Salta al contenuto principale

Allarme Turismo in Calabria
Calo del 20% sulle prenotazioni estive

Basilicata

Funaro: «La provincia reggina la più penalizzata; Tropea soffre ma resiste, calo più lieve nel Cosentino». Sull’A3 crolla l’acquisto della benzina

Tempo di lettura: 
2 minuti 52 secondi

La Confcommercio calabrese, attraverso il suo direttore Attilio Funaro ha snocciolato i dati attuali relativi al settore turistico in Calabria dove si registra un «meno 20% di prenotazioni per questa estate sui lidi e sui monti calabresi. E una particolare sofferenza della provincia di Reggio Calabria». «La provincia cosentina fa un po' meglio di quella reggina - è la valutazione dell’associazione - mentre Tropea, seppure in sofferenza, resta trainante».
«Si naviga a vista - dice il direttore senza giri di parole - per questa stagione che ci terrà con il fiato sospeso fino alla fine, visto che fino a qualche anno fa potevamo dare numeri più precisi sulle prenotazioni già da aprile-maggio, la primavera era il termometro dell'estate, mentre adesso ci si affida alla soluzione dell'ultimo minuto, come il week-end lungo».
Funaro parla di un allarme “reale”: «Stiamo ormai vivendo alla giornata - dice - siamo a luglio e le prenotazioni arrivano alla spicciolata. Il che non consente una esatta programmazione di investimento da parte dell'operatore e una programmazione per offrire quella qualità dei servizi che il turista si attende».
«La stessa diffidenza da parte degli albergatori nel lanciare stage o collaborazioni la dice lunga - continua - anzi c'è una forte contrazione anche nei numeri dei dipendenti di hotel e strutture ricettive». Un problema, dunque, che a catena porta ripercussioni anche sull'occupazione nel settore. Una curiosità, il direttore di Confcommercio, la offre prendendo ad esempio i dati sul calo di vendita del carburante sull'A3. «Il dato significativo rispetto alla movimentazione turistica, che riguarda la nostra regione ma anche la Sicilia, è il netto calo di vendita di carburante sulla Salerno - Reggio. Aldilà dei costi della benzina, questo calo che riguarda proprio questa strada, è legato all'inizio dell'odissea dell'A3, con i lavori mai finiti. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso questo calo è stato netto, accentuando una tendenza già cominciata cinque, sei anni fa: siamo arrivati a un meno 50%».
E Funaro ricorda le ultime statistiche sugli italiani e le vacanze: «Quest'anno tre italiani su dieci sceglieranno di rimanere a casa - commenta - e c'è da giurare, anzi lo stiamo vedendo, che la Calabria, proprio per le condizioni delle sue infrastrutture, Salerno-Reggio in testa, è la più mortificata».
Sulla campagna di comunicazione Funaro concorda con Federalberghi: «Pensiamo che sarebbe stato necessario coinvolgerci sulle strategie per una campagna di comunicazione sul nostro prodotto», dice. «Per non parlare dei rapporti con i tour operator: dovrebbero venire qui a gennaio, e qui sì che la Regione dovrebbe avere un ruolo, sedersi al tavolo con le associazioni, e aprire un dialogo diretto».
«Sono loro i venditori - chiude Confcommercio - noi possiamo avere il prodotto migliore del mondo, ma se c'è un cattivo venditore c'è poco da fare».
In controtendenza i dati dell'associazione Direttori d'albergo (Ada), diretta da Demetrio Metallo: «La Calabria, sostanzialmente tiene», assicura l'associazione rispetto ai dati in proprio possesso. Anzi, la Calabria è «leggermente in controtendenza rispetto al dato nazionale: dai primi numeri ufficiosi - fanno sapere infatti - emerge un dato stabile in confronto al 2010». Previsioni ottimistiche, secondo le rilevazioni Ada, che prevede anzi che «la stagione estiva che si è appena aperta, vedrà questo dato consolidarsi, fatta eccezione per alcune Province come Vibo Valentia (dove si avrà un lieve calo di presenze soprattutto straniere)». «La provincia cosentina - fa sapere Metallo - in entrambe le coste, confermerà alla fine le stesse presenze sostanziali rispetto allo stesso periodo del 2010. Per avere comunque dati precisi ed ufficiali bisognerà attendere come sempre ottobre».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?