Salta al contenuto principale

Ticket sanitario imposto
dal governo, caos in Calabria

Basilicata

Oggi è previsto un incontro al tavolo "Massicci" per discutere della situazione al quale partecipa anche il governatore Scopelliti

Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

Dopo la decisione del Governo nazionale sui ticket sanitari le Regioni cercano misure per alleviare l’aggravio agli utenti e in Calabria inizia il caos dopo la manovra finanziaria, approvata a tempo di record dal Parlamento. La quota è stabilita: 10 euro sulle prestazioni specialistiche (già applicato in alcune Regioni), a cui si aggiunge quello da 25 euro sui ricorsi impropri al pronto soccorso, i cosiddetti “codici bianchi”. Il ticket è scattato in Liguria, Lombardia, Calabria e Basilicata. Fra le regioni che hanno già applicato la nuova tassa c’è anche il Lazio, dove il pagamento è stato introdotto ieri a macchia di leopardo solo in alcune Asl, ma dove la governatrice Renata Polverini ha annunciato l’intenzione di alzare le fasce di esenzione. Una soluzione prova a cercarla anche il governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti.
«Bisogna innanzitutto capire quanto recuperiamo attraverso il ticket, cercare la possibilità di coprire quel gap (i prodotto dal governo, magari attraverso un recupero di somme dal bilancio o attraverso dei comparti delle spese sanitarie - dice Franco Zoccali, direttore generale della Regione». Per oggi intanto è in programma una riunione al tavolo Massicci.
In Calabria si parla di alzare la fascia di esenzione e di evitare il pagamento del ticket per patologie croniche, ma un vero e proprio provvedimento non è stato ancora studiato. Al momento è tutto nel caos. Le Asp e i Pronto soccorso non sanno come comportarsi. Va ricordato intanto che la Calabria è soggetta al piano di rientro dal debito sanitario e per tale motivo è costretta ad introdurre le nuove tariffe. Nei giorni scorsi il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti aveva riferito che il Dipartimento sta verificando la possibilità di diversificare il pagamento per prestazioni e patologie. Ed è quello che oggi conferma Zoccali che a quel provvedimento per alleviare i disagi sta lavorando. La possibilità sarà rappresentata al tavolo Massicci che si riunisce a Roma ed al quale parteciperà lo stesso Scopelliti. Oggi a Roma il governatore Scopelliti sarà pronto a esprimere anche il disagio di una popolazione che è già tartassata. «Non possiamo di certo essere tra le regioni che dice no al ticket, chi lo ha fatto non ha avuto il buco in sanità come lo abbiamo noi. E mi riferisco al Piemonte, al Veneto, alla Lombardia», conclude Zoccali. In Calabria il ticket sui ricorsi impropri ai Pronto soccorso in genere non era stato mai applicato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?