Salta al contenuto principale

Sequestrati beni al Nord
ad un esponente della 'ndrangheta crotonese

Basilicata

Il sequestro ad opera della Direzione investigativa Antimafia di Padova, coordinata dalla Dda di Venezia

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

La Dia di Padova e la Dda di Venezia, hanno sequestrato beni immobiliari del valore di 3 milioni di euro riconducibili, anche attraverso interposta persona, a Domenico Multari, 51enne di Cutro (Kr), raggiunto da una misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per due anni.
Multari, detto 'Gheddafi', ha numerosi precedenti e condanne per sequestro di persona, omicidio colposo, ricettazione e bancarotta fraudolenta ed è sospettato di essere affiliato alla cosca della 'ndrangheta calabrese Dragone, operante nella zona di Cutro con ramificazioni nel Nord Italia, soprattutto nella provincia di Reggio Emilia.
Gli investigatori hanno verificato, in indagini supportate dalla magistratura di Verona, che Multari, da tempo residente con la sua famiglia nel veronese, continuava a svolgere attività criminali. Oltre a immobili, tra le province di Verona e Catanzaro, la Dia ha sequestrato quote rilevanti di una società edile di Verona.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?