Salta al contenuto principale

'Ndrangheta. "Faida dei boschi"
operaio ferito nel Vibonese

Basilicata

Secondo gli investigatori il ferimento di Agostino Vallelonga è legato alla cosiddetta "faida dei boschi"

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

Un operaio, Agostino Vallelonga, di 37 anni, è stato gravemente ferito stamattina a Serra San Bruno in un agguato che potrebbe essere collegato alla cosiddetta faida dei boschi, in corso da alcuni anni tra le province di Vibo Valentia e Reggio Calabria. Vallelonga, nel momento dell’agguato, era alla guida del suo furgone e stava percorrendo la strada provinciale che da Serra San Bruno conduce a Nardodipace. A sparare è stata una persona appostata lungo la strada ed armata di un fucile caricato a pallettoni. L’uomo, ferito dai colpi di fucile all’addome e ad una spalla, è stato ricoverato con prognosi riservata nell’ospedale di Serra San Bruno.
Sul ferimento indaga il Commissariato di Serra San Bruno. L'agguato contro Agostino Vallelonga potrebbe essere collegato all’omicidio del padre, Giovanni, avvenuto a Stilo (Reggio Calabria) il 21 aprile dello scorso anno. Nel settembre del 2009, inoltre, era stato ucciso a Riace (Rc) un cugino di Giovanni Vallelonga, Damiano. Fatti tutti collegati, secondo gli investigatori, alla faida dei boschi che vede contrapposte alcune cosche di 'ndrangheta della province di Reggio Calabria, ed in particolare della Locride, e di Vibo Valentia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?