Salta al contenuto principale

Tropea, per un voto dopo 14 mesi
cambia il sindaco

Basilicata

Il Consiglio di Stato, con una sentenza emessa oggi, ha stabilito che il nuovo sindaco della cittadina è Gaetano Vallone che scalza per un solo voto di differenza Adolfo Repice

Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

E' stat ribaltato a 14 mesi dalle consultazioni amministrative il risultato elettorale a Tropea, cittadina turistica del Vibonese. Il Consiglio di Stato, con una sentenza emessa oggi, infatti, ha stabilito che il nuovo sindaco della cittadina è Gaetano Vallone (in foto a destra) che scalza per un solo voto di differenza Adolfo Repice (a sinistra), proclamato primo cittadino all’indomani della tornata elettorale del 28 e 29 maggio 2010.
Il massimo organo della giustizia amministrativa, esaminando le schede elettorali contestate, ha rivoluzionato gli assetti usciti dalle urne nella primavera dello scorso anno assegnando con 2.279 voti la vittoria a Vallone, candidato sindaco della lista civica Uniti per la rinascita, che avrà 11 seggi, e collocando all’opposizione Repice (2.278 voti) a capo di Passione Tropea (5 seggi). La contesa elettorale tra Vallone e Repice va avanti dall’indomani delle elezioni del 2010 quando Repice ottenne la maggioranza con tre soli voti di differenza rispetto al suo avversario, 2.279 contro 2.276. A distanza di poco meno di un anno, il 7 aprile scorso, i giudici del Tar di Catanzaro accolsero il ricorso presentato da Vallone contro il risultato, fissando le elezioni in due sezioni per il 5 e 6 giugno 2011. Il prefetto di Vibo Valentia, Luisa Latella, nominò un commissario straordinario e due subcommissari per l’amministrazione ma un successivo pronunciamento del Consiglio di Stato accolse la richiesta avanzata da Repice di sospensiva dell’esecutività della sentenza del Tar di Catanzaro fino alla pronuncia definitiva di oggi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?