Salta al contenuto principale

Giovane in prognosi riservata per l'esplosione di un ordigno

Basilicata

Drammatico incidente a Polia. Un giovane, per motivi in corso di accertamento, resta vittima dell'esplosione di un ordigno di cui era in possesso. L'uomo è ricoverato in prognosi riservata al Cardarel

Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Un giovane, C.S, di 27 anni, di Filadelfia è stato denunciato dalla Polizia per detenzione e porto illegale di materiale espodente nonché di esplosione in luogo pubblico. Attualmente ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Cardarelli di Napoli con ustioni gravi sul dorso e al viso, il ragazzo è stato vittima di un'esplosione improvvisa di un ordigno di fabbricazione rudimentale del quale era in possesso. Il fatto è avvenuto la notte del 5 agosto poco prima della mezzanotte in località "Fallà" del comune di Polia. In base alle indagini, condotte dalla squadra mobile della questura di Vibo, la vittima si era recata sul posto unitamente ad altri due suoi coetanei. Ad un certo punto è scesa
dall'autovettura e si è allontanata di qualche decina di metri. Subito
dopo, l'esplosione. Il 27enne è stato, quindi, soccorso dai suoi compaesani
e portato all'ospedale di Vibo, dopo di che è stato trasferito nel reparto
grandi ustioni del nosocomio partenopeo. Sul movente sono in corso
indagini, ma non si esclude che il giovane avesse intenzione di compiere un
attentato. Nell'area in cui è avvenuta l'esplosione, infatti, sono presenti
alcune abitazioni rurali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?