Salta al contenuto principale

Crotone. Il presidente Stano Zurlo: «La Provincia non si tocca»

Basilicata

«E' nostra intenzione difendere in tutto e per tutto una Istituzione tanto agognata dal nostro territorio e che rischia di sparire dopo pochi anni di vita». Il presidente del provincia di Crotone Zurl

Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

«Attendo di leggere il decreto per trarre le conclusioni, ma certo quello che è trapelato nella tarda serata di ieri non fa ben sperare per il futuro della Provincia di Crotone e di molte altre. Anche i piccoli Comuni vivranno una rivoluzione, una riforma epocale che cambia il modo di concepire la municipalità in tantissimi paesi, anche della nostra provincia». Lo afferma in una nota il presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, Pdl, in relazione alla possibile soppressione dell’ente intermedio.
«Adesso voglio anche sentire i presidenti della Province interessate - spiega Zurlo - per capire se hanno intenzione di promuovere qualche azione o che direzione intendono prendere. Io ho già parlato con la mia Giunta e con il Consiglio, all’unanimità abbiamo deciso di rinunciare all’indennità ed a tutte le altre concessioni che potrebbero diventare una spesa per l’Ente. Se è il costo della politica che si vuole tagliare, noi siamo pronti a dare una mano al Governo, di andargli incontro azzerando le spese della politica. È nostra intenzione difendere in tutto e per tutto un’Istituzione tanto agognata dal nostro territorio e che rischia di sparire dopo pochi anni di vita. Capisco che il periodo è tremendamente difficile e che è arrivato il momento dei sacrifici e dei tagli - aggiunge il presidente - ma ho l’impressione che le piccole Province stiano pagando il prezzo più alto. In Italia si sta vivendo probabilmente uno dei momenti più importanti e complicati dal dopoguerra, governare in emergenza e con pochi margini di spesa, a tutti i livelli, non è certo semplice, lo abbiamo sperimentato anche noi sulla nostra pelle, ma riformare in modo così drastico gli Enti territoriali rischia di sguarnire alcuni territori di importanti Istituzioni». «Se dovesse essere confermata la soppressione della Provincia di Crotone oltre all’amministrazione su un territorio difficile e caratterizzato da una criminalità organizzata che condiziona la vita imprenditoriale e non solo – dichiara l’esponente del Pdl - sparirebbero dal territorio la Prefettura, la Questura il Comando provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, istituzioni fondamentali. Potrebbero sparire anche altre realtà importanti come la Camera di Commercio. La chiusura della Provincia comporterebbe un impoverimento del territorio che per il crotonese sarebbe una sciagura dopo la chiusura delle fabbriche e la mancata riconversione dell’economia locale. Si perderebbero professionalità che in un contesto difficile come il nostro hanno operato benissimo e ne hanno favorito la crescita in mezzo a mille difficoltà. Difenderò come e finchè posso la Provincia di Crotone – conclude Stano Zurlo – consapevole dell’immensa difficoltà di questa impresa, non devo essere solo, ma di fianco vorrei avere tutta la popolazione. In questo momento tutti siamo chiamati ad uno scatto d’orgoglio, dobbiamo far emergere il nostro senso di appartenenza, l’orgoglio e la fierezza di essere cittadini della Provincia di Crotone».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?