Salta al contenuto principale

Manovra, abolizione Province
Crotone e Vibo sul piede di guerra

Basilicata

A Crotone, il Consiglio contro la chiusura delle Province. Oggi tocca a Vibo Valentia. L’impegno della vicepresidente della Regione, Antonella Stasi: «Convocheremo una Giunta ad hoc»

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Una seduta straordinaria del consiglio provinciale di Crotone, ieri, per discutere della manovra del Governo che intende abolire alcune province, quelle con meno di 300 mila abitanti, tra cui Vibo e la stessa Crotone. Il presidente dell’Amministrazione Provinciale, Stanislao Zurlo, nel corso della seduta ha tuonato: «La casta dei 'nominati' non può eliminare gli eletti. Noi della Provincia di Crotone non faremo sconti a nessuno, a cominciare dal mio partito, il Pdl». Alla riunione ha partecipato anche il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi, l’altro ente calabrese destinato a scomparire, che oggi riunirà il proprio Consiglio.
«In tutte le sedi – ha aggiunto Zurlo – manifesteremo la nostra contrarietà. Sopprimere le due province calabresi significherebbe tornare indietro di 20 anni, quando Crotone e Vibo Valentia erano territori di vassallaggio di Catanzaro».
Alla riunione del Consiglio provinciale di Crotone hanno partecipato la senatrice Dorina Bianchi ed i deputati Nicodemo Oliverio, Franco Laratta, Mario Tassone; l’ex senatore Antonino Murmura, di Vibo Valentia; l’assessore regionale Franco Pugliano ed i consiglieri regionali Alfonso Dattolo, Francesco Sulla e Emilio De Masi. Nel corso della riunione è stato sottolineato che cancellare la Provincia significa mortificare un territorio depresso.
Anche la vicepresidente della Regione, Antonella Stasi è intervenuta in merito: «Chiederò al presidente Scopelliti di convocare una riunione di Giunta per l’avvio di una discussione che coinvolga, successivamente, anche i rappresentanti calabresi in Parlamento, per approfondire maggiormente l’intera vicenda, affrontandola con grande spirito di responsabilità e di proposizione». «Sono convinta – ha aggiunto la vicepresidente Stasi, che non ha potuto partecipare alla riunione del Consiglio provinciale perchè fuori sede – che riusciremo, in maniera costruttiva, a trovare la strada giusta, nell’interesse di tutta la Calabria. Ci sono diverse soluzioni che potrebbero essere discusse e portate all’attenzione del Parlamento e quindi del Governo nazionale affinchè si trovi una via che sia la più condivisa possibile».

OGGI TOCCA A VIBO VALENTIA
Anche il secondo Ente calabrese a rischio si riunisce per dire no alla decisione del Governo definita «iniqua perché discrimina quei territori meno popolati dove i compiti e le funzioni delle Province hanno maggiore importanza nelle dinamiche socio-economiche locali, lasciando in vita, invece, le Province più “inutili”, cioè quelle dove sono presenti grandi aree metropolitane, come Milano, Roma, Napoli». Questo è quanto dichiarato dal presidente dell'amministrazione provinciale vibonese, Francesco De Nisi che ieri mattina ha preso parte al consiglio provinciale di Crotone.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?