Salta al contenuto principale

Coppa Italia Serie D. Il gol
dell’ex, castiga l'Interpiana

Basilicata

L’undici cittanovese gioca un buon match, ma in pieno recupero l’attaccante Frittitta gela la formazione reggina; la gara tra Acireale e Interpiana termina sul risultato di 3-2

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

Sconfitta immeritata per il Cittanova Interpiana che sotto di due gol, rimonta ma non riesce a uscire indenne dallo Stadio Tupparello di Acireale, al termine di un confronto giocato col cuore nonostante il gran caldo. L’Acireale si qualifica al primo turno della Coppa Italia nei minuti di recupero grazie ad una rete di Frittitta, paradossalmente proprio l’ex di turno, che, nel corso dell’ultimo giro di lancette, s’invola verso Di Matteo e lo infila con un tiro chirurgico. Una vittoria che premia la tenacia e la voglia di vincere dei “giovani terribili” di Gardano, i quali non si sono mai scoraggiati neanche quando, dopo il doppio vantaggio, si sono fatti incredibilmente raggiungere sugli unici due tiri dei calabresi. L’esordio dell’Acireale è stato così sofferto contro un Cittanova Interpiana che si è confermato avversario ostico per i granata; tuttavia, la dinamica dell’incontro consegna a pubblico ed avversari del girone di serie D un messaggio chiaro: questo Acireale non molla mai e ha fame di vittorie. Il tecnico acese Gardano ha schierato sin dall’inizio il consueto modulo 4-2-3-1: difesa in linea con Lombardo e Fascetto centrali, esterni Silvestri e Trovato. A centrocampo Vezzosi a fare da schermo alla difesa con Puglia e il vivace Godino ai lati. In attacco, a supporto del perno avanzato Maffucci, il duo costituito da Tomarchio ed Arnone. Gli ospiti rispondevano con un equilibrato 4-4-2 con l’’eclettico Conversi a fare da collante fra l’attacco, a sostegno dell’ex Sapri Zagaria, e il centrocampo, costituito dalla coppia centrale Iannì - Paonessa. Al settimo minuto del primo tempo, è l’Acireale ad andare a rete con Arnone, e il raddoppio arriva al 19’ con Tomarchio. Il Cittanova prova ad accorciare le distanze prima con un rigore di Conversi al 30’ e poi al 40’ con una rete di Gaudio. Ma è Frittitta, l’ex Sampdoria e Cittanova a beffare Di Matteo sul finale al 48’ della ripresa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?