Salta al contenuto principale

Coppa Italia Serie D. Il Cosenza batte l'Acri
e ritorna l'entusiasmo

Basilicata

Sette ragazzini in formazione davanti a 1.500 spettatori. Una prodezza di Adriano Fiore, piega l’Acri e infiamma il San Vito

Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

Una rete a zero e il derby con l’Acri se lo aggiudica il Cosenza che ora affronterà l’Irsinese, formazione della provincia di Matera, sempre al San Vito, domenica pomeriggio. L'undici sceso in campo era composto da sette under titolari che sono diventati otto dal 24’ della ripresa quando Adriano Fiore è stato costretto ad abbandonare il campo per noie muscolari. Una prima uscita, quella dei rossoblu che merita e che è riuscita in parteicolare a trascinare il pubblico rossoblu che è tornato a tifare, stavolta in Tribuna A, per la squadra del cuore. Il gol che ha deciso la gara: Adriano Fiore ruba palla in mezzo al campo, chiede lo scambio a Rampazzo e si presenta in area. Diagonale secco di sinistro e pallone che gonfia la rete.
Felice a fine gara il tecnico Patania: «La squadra è stata bene in campo, molto ordinata. Di più a questi ragazzi non si poteva chiedere. Adesso spero che la squadra venga completata, con Stefano Fiore stiamo lavorando e sono certo che la società farà di tutto per costruire un organico che questa città merita».
Domenica si torna in campo e per l’occasione Patania spera di avere a disposizione Potestio e Biondo, entrambi fermi per una distorsione alla caviglia. Buone nuove si spera che arrivino anche dal mercato. Ieri sera si è diffusa la notizia che la trattativa con Mosciaro, anche se l’accordo tra calciatore e Grosseto non è stato raggiunto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?