Salta al contenuto principale

Calcio. Under 19, L’Italia a Lamezia
supera la Russia

Basilicata

Arrigo Sacchi: «Sui vivai si investe poco». L’Italia a Lamezia Terme ha battuto per due reti a uno, la Russia

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Vittoria all'ultimo minuto per gli azzurrini under 19, allenati da Evani al “Guido D'Ippolito” di Lamezia Terme. Partono bene gli italiani che già dai primi minti chiudono gli avversari nella propria area: al 7', su cross di Beltrame, Fiamozzi calcia sopra la traversa; un minuto dopo risponde Zuikov che prova da fuori area con pallone che sibila poco lontano dal palo. Al 30' Beretta che di tacco impegna il portiere avversario alla parata sulla linea, e due minuti dopo Margiotta di testa dal dischetto di rigore non inquadra per poco la porta. L'Italia trova il vantaggio sul finire della frazione con Beltrame che trova la rete del vantaggio saltando anche Isupov. Nella ripresa, al 7' Piscitella cerca l'angolo basso, Generalov si rifugia in angolo; 15' Ganz in rovesciata ma il portiere gli nega ancora il gol. Alla prima occasione utile la Russia pareggia con Ilin (17') che approfitta di un errato disimpegno della difesa. L'Italia reagisce ma Ganz (31') in due occasioni viene fermato da Generalov, prima che all'ultimo secondo Piscitella trovi la deviazione vincente che spiazza il portiere.
A seguire gli azzurri under 19, c’era Arrigo Sacchi, coordinatore tecnico delle nazionali giovanili. L’ex Ct della nazionale nel pomeriggio aveva partecipato a una tavola rotonda sul calcio giovanile organizzata dalla sezione lametina dell’Associazione italiani allenatori di calcio. Poco incoraggianti i dati forniti dall’ex allenatore del Milan che ha evidenziato anche i ritardi del settore giovanile in Italia: «Gli sforzi economici ed organizzativi dei club - ha detto Sacchi - sono insufficienti rispetto a quelli di Francia, Inghilterra, Spagna, Germania, Svizzera e Austria, dove vi sono centri di formazione con staff di alto livello. In Italia si investe sui vivai solo dall'1% al 3% del bilancio, nel resto di Europa fino al 10%. Questo non è un Paese per giovani, è un Paese vecchio. E facciamo fatica ad aggiornarci» E sulla protesta di Renzo Ulivieri, Sacchi ha detto che «trovo giusto che vi siano i patentini e vi sia molta scuola».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?