Salta al contenuto principale

Cosenza, indagine "Due Fiumi"
i festini dall'avvocato a base di droga

Basilicata

Lo hanno accertato gli investigatori durante le indagini. Conclusi ieri gli interrogatori. Nuovi particolari sull’inchiesta antidroga denominata “Due Fiumi”

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

Il legale che almeno in un'occasione avrebbe organizzato un festino a base di droga nel proprio studio legale è P. P., che compare, in qualità di assuntore, in più pagine dell’ordinanza “Due Fiumi”, dal nome dell’operazione antidroga che martedì scorso ha portato all’arresto di otto persone con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Al festino nello studio legale avrebbero partecipato alcuni colleghi e altri professionisti cosentini. Questo è quanto emerso a seguito del pedinamento concentrato proprio su P. P., tra i principali clienti dei pusher cosentini che sarebbe arrivato a sborsare fino a 150 euro per mezzo grammo di eroina, per garantirsi la riservatezza. Ora al vaglio degli inquirenti ci sono le numerose intercettazioni telefoniche e i numerosi sms raccolti durante le fasi d’investigazione.
Ieri, intanto, si sono conclusi gli interrogatori di garanzia. Gli ultimi ad essere sentiti dal gip Branda sono stati Aldo Iulianelli e Luigina Borchetta, agli arresti domiciliari. Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Stessa cosa avevano fatto, il giorno prima, Andrea Bruni, Emanuele Lo Polito, Ippolito Gaudio, Salvatore Algieri, Pasquale Ripepi e Franco Mazzei.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?