Salta al contenuto principale

Intimidazioni: sindaci del Crotonese
nel mirino della criminalità

Basilicata

L’intimidazione a Lorecchio, coordinatore provinciale del Pdl, segue quella di Abenante. Vasto incendio doloso nell’azienda agricola del primo cittadino di Pallagorio

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Un atto intimidatorio è stato compiuto nei confronti di Umberto Lorecchio, sindaco di Pallagorio, consigliere provinciale (con delega all’agricoltura) e coordinatore provinciale del Pdl di Crotone. Ieri mattina, ignoti, hanno appiccato il fuoco nel terreno di sua proprietà, in località Palleca, nella frazione Perticaro del comune di Umbriatico. Gli investigatori ritengono che il rogo sia stato causato.
Si tratta del secondo episodio ai danni degli amministratori della zona. Nelle scorse settimane, infatti, al sindaco del comune di Umbriatico, Pasquale Abenante, nel podere di famiglia erano stati uccisi tre asini. Gli animali, custoditi in un podere che il sindaco, che di professione fa il veterinario, sono stati abbattuti da colpi di fucile caricato a pallettoni.
Tornando a Lorecchio, la notizia dell’incendio sul terreno all’interno della sua azienda agricola lo ha raggiunto mentre si trovava in Comune. Lui stesso, poi, ha aiutato a spegnere le fiamme, prima dell’arrivo dei mezzi chiamati in soccorso tardavano a venire. Sull’episodio, il coordinatore provinciale del Pdl non sa darsi spiegazioni: «Non ho ricevuto - ha detto ancora Lorecchio - nessuna richiesta o minaccia ed è il primo episodio del genere in azienda. Certo, sto mettendo mano in situazioni che non potevano più andare avanti, ma da qui ad arrivare a simili atti, ce ne corre». Si dice, poi, preoccupato per la vicenda ma allo stesso tempo convinto che non bisogna andare avanti. «Ognuno di noi - ha continuato Lorecchio - ha fatto una scelta e non si può lasciare mano libera a queste persone». Attestati di solidarietà sono giunti dal mando politico e dalle autorità.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?