Salta al contenuto principale

Azzarà rapito in Darfur
Cecilia Strada: «Francesco sta bene»

Basilicata

La famiglia spera in una soluzione del rapimento, il sindaco di Motta San Giovanni ringrazia. ha avuto un contatto diretto con il giovane Azzarà

Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

Francesco Azzarà sta bene; la notizia arriva dalla seduta della Commissione straordinaria diritti umani del Senato. Ad annunciarla ancora una volta è Cecilia Strada, presidente di Emergency: «Una settimana fa abbiamo avuto un contatto diretto con Francesco Azzarà. Ci ha detto che sta bene, per quanto possibile nella situazione in cui si trova. Mangia e beve e tiene duro».
Una notizia che rassicura i genitori e i familiari del giovane volontario di Motta San Giovanni, rapito lo scorso 14 agosto a Nyala, nel Darfur, mentre sin stava dirigendo in auto verso l'aeroporto della città.
«E' una buona notizia quella resa nota da Emergency che ha sentito Francesco che sta bene e tiene duro - ha commentato Vincenzo Catalano, portavoce della famiglia del logista rapito -. Noi viviamo il nostro dolore in silenzio e vogliamo continuare a sperare che la liberazione di Francesco arrivi al più presto». Intanto, Emergency sta continuando a lavorare per la liberazione del giovane logista: raccolte centinaia di firme l'appello per la liberazione di Francesco Azzarà promosso da "Italians for Darfur", organizzazione che si occupa della crisi e del conflitto in atto nella regione sudanese dal 2003. Firme che saranno consegnate alle autorità sudanesi.
Il comitato di Motta San Giovanni “Francesco Libero!” , in una nota, scrive “che di Francesco, l'operatore di Emergency rapito a Nyala in sud Darfur, non si hanno notizie se non quelle che trapelano dal governo sudanese. Ufficialmente la famiglia Azzarà/Legato mantiene il silenzio stampa, le rassicurazioni sul suo stato di salute provengono da Emergency che, per bocca di Gino Strada e di sua figlia Cecilia, rispettivamente leader e presidente dell'associazione, hanno dichiarato di aver avuto un contatto che fa ben sperare».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?