Salta al contenuto principale

2^ divisione. La Vibonese sbollisce
la rabbia con Caraccio

Basilicata

Caffo: «Ora basta, non possiamo essere sempre penalizzati». Dopo le polemiche per l’arbitraggio arriva una punta argentina che calma la rabbia

Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

Il presidente della Vibonese, Pippo Caffo parla all’indomani della gara contro il Melfi in particolare dei grossolani errori arbitrali che hanno compromesso il risultato: «Non vogliamo accampare scuse. Ma ne facciamo una questione di dignità. Non possiamo stare inerti dinanzi a quello che è successo e che è sotto gli occhi di tutti. Abbiamo deciso, quindi, di rivolgerci alla Lega». «Stiamo preparando un esposto da inviare alla Lega», ha fatto sapere il presidente della Vibonese: «Così non va bene, non possiamo essere sempre penalizzati. E non mi riferisco solo a quello che è successo domenica, ma anche a L’Aquila c’era un rigore grande quanto a una cosa che non c’è stato accordato. In questo inizio di campionato - ha aggiunto il presidente della Vibonese - ci hanno mandato sempre arbitri esordienti, supportato da collaboratori di linea non sempre all’altezza, come è emerso domenica, contro il Melfi».
Domenica, intanto, i rossoblu sono chiamati alla difficile trasferta contro la Paganese. «Incontreremo una grossa squadra, è vero. Ma non partiremo già battuti». Infine, un annuncio. «Stiamo aspettando l’attaccante. Siamo in attesa, ci vuole ancora un po’ di tempo per via di alcune pastoie burocratiche, giacché il calciatore arriva da una federazione straniera. Ma credo che già nel derby contro la Vigor Lamezia possa essere a nostra disposizione», ha infine fatto sapere il numero uno della società di via Piazza d’Armi. La Vibonese, insomma, ha individuato il suo nuovo attaccante. Si tratta dell’argentino Franco Caraccio, classe ’87, che in Italia vanta un’esperienza in chiaroscuro a Foggia. Rientrato in Argentina, Caraccio - che ha fatto parte della nazionale under 10 del suo paese - è ripartito dalla Primera B nacional, la serie B argentina. Adesso, per Caraccio il ritorno in Italia, alla Vibonese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?