Salta al contenuto principale

Reggio, proiettili per tre agenti
della polizia penitenziaria

Basilicata

Intercettati nel centro smistamento postale di Lamezia. Le buste destinate a Reggio Calabria, erano per tre agenti della polizia penitenziaria

Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Polizia Penitenziaria nel mirino. Nel Centro smistamento Postale di Lamezia Terme sono state intercettate tre buste contenenti proiettili indirizzate a tre unità di Polizia Penitenziaria tra cui un Ispettore Capo e due Assistenti Capi in servizio al Reparto di Reggio Calabria. Già altri episodi si sono verificati nel corso degli ultimi mesi. A darne notizia è stato lo stesso Corpo di Polizia Penitenziaria. Appreso il fatto, il segretario provinciale generale della Uilpa, Patrizia Foti, ed il segretario provinciale Uilpa Penitenziari, Bruno Fortugno hanno diffuso un comunicato stampa con il quale esprimono solidarietà alle vittime e viva preoccupazione.
“E’ passato poco più di un anno – rammentano Patrizia Foti e Bruno Fortugno - da quando l’Assistente Capo di Polizia Penitenziaria Brizzi Antonino in servizio alla Casa Circondariale di Reggio Calabria, fu destinatario di un atto intimidatorio di chiaro stampo terroristico- mafioso, rimasto ancora impunito, nella circostanza, ignoti esplosero diciotto colpi di mitra Kalashnikov cal. 7.62. contro l’autovettura di proprietà del graduato”.
“Nel condannare il vile atto intimidatorio, - aggiungono - esprimiamo la più sincera solidarietà e vicinanza ai colleghi e alle loro famiglie. Siamo certi che questo ennesimo vile atto intimidatorio, non intaccherà minimamente l’impegno lavorativo svolto quotidianamente dai colleghi, di cui ben conosciamo la serietà e la professionalità che li contraddistingue. Si tratta di personale dotato di esperienza lavorativa ultradecennale, operatori del diritto di provata capacità, temprato a fronteggiare situazioni ben più difficoltose”. I rappresentanti sindacali richiamano poi l’attenzione sulla situazione emergenziale delle carceri italiane, sovraffollati e desueti. “Non agevola di certo, - continua il comunicato stampa - la grave situazione che sta attraversando il “pianeta carcere”, settore che sta registrando il periodo più nero della sua storia contemporanea,sia per la notevole carenza di organico, per i turni di lavoro stressanti che per gli effetti del sovraffollamento delle carceri, aspetti più volte evidenziate da questa Organizzazione Sindacale, che si avvertono ancora di più in Calabria, per la presenza sul territorio della criminalità organizzata. Il ripetersi di questi atti di violenza, nei confronti dei Poliziotti Penitenziari di stanza al Reparto di Reggio Calabria, sono sicuramente gli effetti sortiti, di chi combatte l’antistato da servitore dello Stato”.
“Non saranno queste vigliacche intimidazioni – proseguono Patrizia Foti e Bruno Fortugno - a frenare gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria di Reggio Calabria agli ordini del Commissario, Stefano Lacava e del Direttore, Carmela Longo, che quotidianamente sono impegnati in compiti d’istituto, al servizio della gente e delle Istituzioni”. “In ogni caso – concludono - sensibilizziamo le Istituzioni preposte, ad affrontare queste emergenze che penalizzano l’intero settore a mantenere alta la soglia d’attenzione, verso questi vili atti di violenza che hanno come finalità quello di inquinare il nostro sistema democratico”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?