Salta al contenuto principale

Regione: Rapporto Svimez, Orsomarso
annuncia una norma per i giovani

Basilicata

Il Rapporto Svimez decisamente negativo riaccende il dibattito il consigliere regionale del Pdl, Orsomarso, annuncia: «Una legge per i giovani»

Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Una parte del Por 2007/2013 sarà investito per creare occupazione giovanile nel settore del turismo e dell’agricoltura attraverso una nuova legge regionale. Ad annunciarlo è il consigliere regionale del Pdl, Fausto Orsomarso, che sull’iniziativa ha ricevuto già il via libera del presidente Scopelliti.
«Sarà una proposta di legge - spiega Orsomarso - che avrà l’obiettivo di creare efficaci strumenti per una occupazione vera e duratura nei campi in cui questa regione eccelle, agricoltura e turismo su tutti. Saranno norme che creeranno automatismi nel riconoscimento delle agevolazioni, evitando quella discrezionalità che ha reso il nostro mercato del lavoro una fucina di yesman insicuri e precari».
Un annuncio, quello di Orsormarso, che arriva all’indomani del rapporto di Svimez che conferma la tendenza all’emigrazione dei cervelli dalla Calabria. Secondo Orsomarso «c’è un pilastro che dobbiamo fortificare e riguarda la ricerca e l’Università, per meglio attenuare il rischio di perdita secca di cervelli a favore del Nord. A questo proposito è già stato costruito un accordo con le regioni meridionali e con i rettori interessati. Anche la Calabria deve fare la sua parte, naturalmente, investendo con oculatezza la parte dei Fondi strutturali 07/13 che dovrà spendere entro il 2015».
Secondo l’esponente del Pdl «occorre però smettere di trattare una questione tanto rilevante con lo spirito inconcludente della polemica politica, perchè sono 100 anni che viviamo con questo gap economico e sociale. Il Sud, lo ripeteremo fino alla noia – afferma Orsomarso – si salverà se verrà prima delle nostre personali ambizioni, discutendo insieme, come si sta facendo con tutti i Presidenti di Regione del Sud e come occorre fare anche con le parti sociali».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?