Salta al contenuto principale

Cosenza, sequestrate sfere cinesi colorate
altamente nocive per i bambini

Basilicata

I finanzieri di Cosenza hanno sequestrato circa 45mila palline igroscopiche colorate denominate “Seven color crystal ball”

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Sono piccole, colorate e di varie forme geometriche, simili a caramelle e pupazzetti, ma estremamente pericolose per la salute dei bambini e, se ingerite possono causare il soffocamento. In tre distinti interventi presso operatori commerciali cinesi tra Cosenza, Rende e la vicina Zumpano, i Finanzieri della Compagnia di Cosenza, ne hanno sequestrate circa 45mila di palline igroscopiche colorate denominate “Seven color crystal ball”.
Si tratta di piccolissime sfere colorate, importate dalla Cina, utilizzate a scopo ornamentale o per idratare le piante che possono essere scambiate per giocattoli dai bambini e, se ingerite accidentalmente, possono determinare ostruzioni a livello intestinale o fenomeni di soffocamento: il loro aspetto ingannevole risulta infatti fortemente attrattivo per i più piccoli, essendo il confezionamento del prodotto molto simile a bustine di caramelle.
Non a caso il Ministero della Salute le ha certificate come pericolose per la salute umana, a causa dei possibili rischi per i bambini ed il Ministero dello Sviluppo Economico le ha segnalate, già dal 2009, al portale Rapex, la banca dati dell’Unione Europea dove sono inseriti tutti i prodotti non alimentari, potenzialmente pericolosi per la salute umana e quindi bandite dal mercato.
L’operazione messa in atto dalla Compagnia di Cosenza è inserita nell’ambito del monitoraggio costante che i Reparti del Corpo effettuano sul territorio della Provincia nei confronti degli esercizi commerciali, per la sicurezza dei prodotti e la tutela dei consumatori. I titolari degli esercizi commerciali sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria per la commercializzazione di prodotti non sicuri e non conformi, mentre le numerose confezioni, sono state sottoposte a sequestro a disposizione del magistrato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?