Salta al contenuto principale

Lavoro sommerso in Calabria, domani
la presentazione del rapporto a Roma

Basilicata

E' il 7° rapporto sul lavoro sommerso in Calabria, predisposto dalla Commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare, guidata da Benedetto Di Iacovo

Tempo di lettura: 
2 minuti 51 secondi

Sarà presentato domani, nella sede del Cnel a Roma, il settimo rapporto sul lavoro e sull'economia sommersa in Calabria, predisposto dalla Commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare, guidata da Benedetto Di Iacovo. Alla presentazione prenderanno parte anche il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, l'assessore Francescantonio Stillitani, il presidente del Cnel Antonio Marzano, il sottosegretario all’Economia Antonio Gentile, il sottosegretario al Lavoro Nello Musumeci, i segretari nazionali di Cgil, Cisl; Uil, Ugl. Concluderà il ministro degli Affari regionali, Raffaele Fitto.
A portare il saluto della città di Roma e del sindaco Gianni Alemanno, sarà l’on. Domenico Naccari, delegato ai rapporti con le Comunità regionali, mentre a relazionare sarà il presidente della Commissione regionale emersione, Benedetto Di Iacovo. Modererà i lavori il giornalista Giuseppe Malara.
I temi portanti del rapporto saranno il lavoro irregolare e le politiche di contrasto al sommerso; temi per i quali è al lavoro la Regione Calabria e la Commissione regionale per l'emersione del lavoro non regolare, per la tutela del lavoro sicuro ed il rilancio delle politiche di sviluppo nella regione.
Per la presentazione del VII Rapporto sull'economia sommersa ed il lavoro non regolare, è stata scelta proprio la sede del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro; una location nazionale di grande prestigio, ma idealmente luogo elettivo di rappresentanza, incontro e di mediazione fra categorie produttive, parti sociali ed istituzioni; per di più organismo di rilevanza costituzionale fortemente voluto dai Padri costituenti, che richiama ed esalta quel diritto al lavoro (regolare e legale) su cui è fondato lo Stato italiano.
Il VII Rapporto sull'economia sommersa ed il lavoro non regolare, che viene posto all’attenzione istituzionale e delle grandi agenzie di ricerca e statistica in uno dei momenti più critici e difficili della storia economia degli ultimi trent'anni, fotografa, pur se prudenzialmente, un’inversione di tendenza della Calabria dal punto di vista economico ed occupazionale, segnando l’avvio di sensibili processi di crescita testimoniati peraltro dai maggiori istituti di statistica e ricerca sul piano nazionale; proprio il rapporto annuale 2011 di Svimez le assegna, insieme ad Abruzzo e Sardegna, il ruolo «guida nella ripresa» del Mezzogiorno.
Ed ancora a conforto che gli indicatori socio-economici della Calabria vadano in controtendenza positiva rispetto alla crisi in atto, giungono le rilevazioni ISTAT sulla disoccupazione in Italia, relativi al 2° trimestre 2011, che confermano che la Calabria anche sul versante della disoccupazione regge alla crisi con una forte diminuzione del tasso di disoccupazione. La disoccupazione, infatti è scesa sensibilmente; i lavoratori irregolari sono calati rispetto alla fine del 2009.
Anche il tasso di occupazione e quello di attività sono percentualmente cresciuti, addirittura nell’ultimo decennio è cresciuto il PIL. Questi risultati si sono resi possibili anche grazie ad alcune importanti azioni di sistema messe in campo dalla Regione Calabria e dalla Commissione stessa nelle politiche pubbliche di contrasto al sommerso. Azioni sulle quali la Regione Calabria e la Commissione regionale emersione hanno inteso avviare un tavolo di alto profilo istituzionale, dal quale far partire un laboratorio permanente di dibattito, condivisione di buone pratiche, scambio di esperienze sul piano nazionale sull'applicazione di politiche innovative di contrasto al sommerso. In una parola. Il caso calabrese dimostra come il Mezzogiorno con politiche adeguate abbia possibilità di sviluppo. Da un Mezzogiorno problema a un Mezzogiorno risorsa. Le azioni di sistema contro l’emersione attuate in Calabria fanno si che la Calabria possa oggi presentarsi come regione virtuosa e all’avanguardia nella lotta al sommerso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?