Salta al contenuto principale

Regione. Sanità, i lavori
della 3^ Commissione consiliare

Basilicata

Il consigliere Franco Morelli (PdL), ha proposto un dettato normativo in materia di leggi funerarie e di edilizia cimiteriale

Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

La terza Commissione consiliare della Regione 'Attività sociali, sanitarie, culturali, formative', presieduta dal consigliere Nazzareno Salerno (PdL), ha approvato oggi una proposta di legge, di iniziativa del consigliere Franco Morelli (PdL), che detta per la prima volta in Calabria, principi in materia funeraria, di edilizia cimiteriale, di polizia mortuaria ed istituisce le sale di commiato cimiteriali.
La Commissione, nel prosieguo dei lavori odierni, ha anche approvato un progetto di legge di iniziativa dei consiglieri Giordano, De Masi, Domenico Talarico, Serra, Salerno, Gallo, Dattolo, Chiappetta, Fedele, Tripodi, Principe, Bova, Piero Aiello, Morelli e Ciconte, per promuovere l'utilizzo del sale iodato sul territorio regionale. Nel corso della seduta, la Commissione ha audito, su temi specifici, i rappresentanti della Aisla (Ass. italiana sclerosi multipla), Saveria Fontana ed il prof. Osvaldo Pieroni; il dott. Salimonti ed il dott. Fioresta, rappresentanti di due sindacati di medici, sulle problematiche relative alle postazioni di guardie mediche in ambito regionale, ed il commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, Gianfranco Scarpelli sul personale precario di quell'azienda territoriale.
«E' stata una seduta proficua – ha commentato il presidente Salerno (in foto) a conclusione dei lavori della Commissione – sia per la qualità delle proposte di legge licenziate, che per l’avvio delle discussioni di merito per altri progetti di legge che contiamo di discutere ed approvare entro la seconda decade del mese di novembre, tra cui gli interventi a favore dei soggetti celiaci e la tutela per la sicurezza sui luoghi di lavoro ed il contrasto al lavoro non regolare». La Commissione, infine, ha accolto una proposta del consigliere Candeloro Imbalzano di raccomandazione alla Giunta regionale affinchè si costituisca in giudizio dinanzi alla Corte costituzionale in difesa del testo di legge con cui si istituisce il Centro regionale del Sangue, impugnato dal Governo. Ai lavori erano presenti i consiglieri Vilasi (PdL), Guccione (Pd), Morelli (PdL), Chiappetta (PdL), Gallo (Udc), Giordano (IdV), Parente (Scopelliti presidente) e Ferdinando Aiello (Sel), Imbalzano (Scopelliti presidente) e Serra (Insieme per la Calabria).
A conclusione della seduta, Franco Morelli, ha commentato l'approvazione del
progetto di legge che «ammoderna un vuoto legislativo nell’esperienza regionalista calabrese». Morelli ha proposto un dettato normativo in materia di leggi funerarie e di edilizia cimiteriale: «Il testo approvato – sostiene – riguardo un comparto di particolare delicatezza per la nostra società civile. È un intervento che bisognava promuovere da tempo, in un contesto finora caratterizzato prevalentemente da norme di rango statale contenute in diversi provvedimenti spesso anche risalenti al secolo scorso. L’articolato si occupa di competenze riservate ai diversi livelli di pubbliche amministrazioni: alla Regione, sono riconosciute funzioni di indirizzo, coordinamento e vigilanza; le Province hanno il compito, d’intesa con i comuni, di elaborare un piano di programmazione triennale per pianificare ed attuare quanto previsto dal testo oggi licenziato dalla Commissione, ai comuni, infine, è attribuita la realizzazione, gestione e manutenzione dei cimiteri. Particolare importanza, infine, la legge riveste per le sale dedicate al commiato, la cui realizzazione consentirà ai parenti ed agli amici dei defunti di potere fruire di uno spazio accogliente per l'ultimo saluto ai propri cari».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?