Salta al contenuto principale

Potenza, bambino affidato al padre.
La madre s'incatena davanti al Tribubale.

Basilicata

La donna chiede di riavere la potestà esclusiva del figlio, sette anni, affidato al padre, residente a Milano che «lo vuole tutto per sè e gli dice di non chiamarmi nemmeno 'mamma'»

Tempo di lettura: 
0 minuti 40 secondi

Una donna di 28 anni si è incatenata questa mattina davanti al Tribunale per i minorenni di Potenza, per chidere di riavere la potestà esclusiva del figlio, un bambino di sette anni affidato al padre, residente a Milano.

La donna si è detta «esasperata», poichè «oltre alla lontananza, lui mi impedisce di vedere il piccolo»: il bambino, ha aggiunto, «è stato riconosciuto solo in un secondo momento dal padre, e ora lui lo vuole tutto per sè e gli dice di non chiamarmi nemmeno 'mamma'». Il bambino, in un primo momento, era stato affidato alla madre, che a sua volta avrebbe negato al padre il diritto di vederlo. Il padre, dopo un ricorso al Tribunale, due anni fa ha ottenuto la potestà esclusiva, confermata anche in secondo grado.

http://www.facebook.com/pages/Il-Quotidiano-della-Basilicata/14415881228...|14]Visita la nostra pagina Facebook

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?