Salta al contenuto principale

Restaino, Pallareta e i veleni del Pd lucano
«Fanno il congresso con questi argomenti. E’ una porcata, una porcata politica, Vito»

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

LA questione della discarica di Pallareta, secondo il sindaco di Potenza (in foto) va ben oltre quelli che sono gli aspetti tecnico-amministrativi, infatti il giorno 10 settembre 2009, è sera, confessa i suoi sospetti ad Erminio Restaino. I due concordano che ormai è diventata una questione politica, perché c’è qualcuno, nella fattispecie, l’assessore all’Ambiente Santochirico, che sta mettendo i bastoni fra le ruote.
S: Poi, non so se sai i casini con la discarica.
R: E di questo, di questo ti volevo parlare.
S: Ah, perfetto, se mi volevi parlare di questo. ieri ho parlato con Vito, sono incazzato nero.
R: Vabbè, lo so, Vito.
S: Hanno fatto una cosa proprio ignobile, Ermì. Rispetto alla quale.
R: Te lo sto dicendo da, da quindici giorni. Stanno facendo il congresso con questi argomenti.
S: Bravo. Io Ermì, vabbè poi la commenteremo anche sul piano politico. Però no. io mi rifiuto di parlare con Santochirico e. la vicenda, lui mi ha dato un termine di venti giorni. Io non faccio passare i venti giorni, quando torno gli faccio una lettera, gli dico “sono pronto ad essere commissariato da ora, non c’è bisogno che aspetti venti giorni”. A parte che gli dimostrerò che lui non sa nemmeno di che cosa parla, Ermì. Perché l’ho spiegato a.
R: (.) ho parlato pure con Sigillito, ho. la conosco la vicenda, Vito.
S: Sì, ma a parte il merito tecnico, di cui non sanno che parlano Ermì, c’e un dato programmatico che li. proprio. li rende ignobili che lui si permette di dare giudizi e di incalzarmi su una questione che è quella della discarica, senza sapere che lui di questa discarica non ne può parlare, Ermì. Il comune di Potenza, che si è fatto carico di risolvere il problema con essa, ehm. ha anticipato tutta la procedura.
R: (.)
S.:. no, sentimi Ermì, che il fatto è importante, glie l’ho spiegato a Vito. Io ho anticipato tutta la procedura facendomi carico di tutte le rogne possibili e immaginabili. Ma la discarica, se oggi avesse tutte le autorizzazioni, Ermì, io non posso iniziare i lavori. Per un motivo banale, perché sarebbe come fare una casa che nel piano regolatore non è consentita, cioè fai un abuso. Io per realizzare questa discarica ho bisogno che la discarica sia nel piano provinciale. La Provincia di Potenza fino a questo momento, la discarica.
R.: Non è nella. non è nell’ordinanza in deroga?
S: No, è stata solo adottata dal.
R: Come, non è nell’ordinanza di De Filippo?
S: Allora, da quello che mi hanno detto gli uffici non è un’ordinanza che dice “fate la discarica”, quella con la quale si è mosso Vito, l’ordinanza infatti non ha caso ho detto a Vito «mi devo guardare le carte sabato mattina». Ma dal quadro che mi trasferiscono gli uffici, questa discarica è una discarica che in questo momento non è nella programmazione ed in ogni caso..
R: (.) eh sì, è una porcata, la porcata è politica, Vito.
S: Eh sì, la porcata è politica, ma infatti.
R.: (.) sabato mattina.
S.: Ho chiamato Piero la. io dovrei tornare domani, domani sera.
R.: (.)
(...)
S.: Oh, ci vediamo sabato mattina perché io domani mattina convoco una riunione su questo perché ho capito che lì si sono mossi a tenaglia, in maniera scandalosa. Cioè, loro. Ermì, guarda, ma non ci sono parole.

308991990000]3|12]FENICE, TUTTE LE INTERCETTAZIONI

http://www.facebook.com/pages/Il-Quotidiano-della-Basilicata/14415881228...|14]Visita la nostra pagina Facebook

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?