Salta al contenuto principale

Usura, Rinviati a giudizio gli ex direttori
generali di Antonveneta e Bnl

Basilicata

I due ex dg sono indagati per la presunta usura di cui sarebbe rimasto vittima l’imprenditore Antonino De Masi

Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Il gup del Tribunale di Palmi, Vincenzo Ramondino, ha rinviato a giudizio gli ex direttori generali di Banca Antonveneta e Banca nazionale del lavoro, Enrico Pernice ed Ernesto Manna, per la presunta usura di cui sarebbe rimasto vittima l’imprenditore Antonino De Masi. Analoga decisione è stata presa nei confronti dei dirigenti di Bnl Davide Croff, Mario Girotti, Ostilio Miotti e Rocco Segreti. Per un altro gruppo di indagati, Pietro Celestino Locati, Vincenzo Tagliaferro, Alessandro Maria Piozzi, Matteo Arpe e Roberto Marini, ex Direttori generali e dirigenti di Banca di Roma, il Gip ha disposto l’incompetenza territoriale del Tribunale di Palmi trasmettendo il fascicolo alla Procura di Reggio perchè i rapporti bancari erano gestiti nella sede reggina dell’istituto di credito.
Il procedimento a carico dei dirigenti bancari è scaturito da una denuncia presentata da De Masi secondo il quale i tassi d’interesse applicati sui fidi concessigli erano a tassi usurari. «La vicenda banche ed usura, scaturita dalle mie denunce - ha detto De Masi – registra quindi un altro importante tassello. Continuerò a combattere questa battaglia di legalità sino alla fine per tutelare gli interessi non solo miei, ma quelli di un intero territorio depredato dall’illegale comportamento del sistema bancario».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?