Salta al contenuto principale

Lattarico, 29enne muore sotto il trattore
mentre lavorava nel suo terreno

Basilicata

Incidente nei campi per un 29enne di Lattarico (Cs), Silvio Vitari che lavorava nel suo terreno. Osservato un minuto di raccoglimento allo stadio

Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

Silvio Vitari, 29 anni, di Lattarico in provincia di Cosenza, è morto mentre lavorava a bordo del suo trattore; forse una manovra sbagliata, forse un problema improvviso, hanno causato quell’incidente che lo ha fatto restare intrappolato sotto il mezzo agricolo. E per il giovane non c’è stato scampo. E’ morto sotto il peso del trattore. Per la disperazione dei familiari e dei tanti amici che subito hanno saputo della tragedia. L’incidente mortale è avvenuto ieri mattina, poco prima delle 11,30. Il 29enne si trovava nei campi, in contrada Triscioli nel Comune di Lattarico, piccolo centro a una trentina di chilometri da Cosenza. Per cause ancora in via d’accertamento, il trattore da lui condotto si capovolge e lui resta intrappolato. Immediato l’allarme lanciato dai familiari del giovane, ma non c’è niente da fare. Sul posto intervengono la squadra dei Vigili del fuoco del Distaccamento di Rende e i carabinieri e i sanitari del 118 che non possono fare altro che costantarne il decesso.
La notizia si è diffusa in paese in poco tempo dove il giovane era conosciuto e ben voluto da tutti. In tanti si sono recati a casa dei familiari per esprimere il proprio cordoglio e per capire cosa è accaduto. La sua morte è davvero una grande tragedia per tutta la comunità di Lattarico. Un dolore, quello per la prematura scomparsa di Silvio Vitari, che arriva fino dentro il campo sportivo, situato poco fuori Lattarico. Infatti, alla partita di calcio di Terza Categoria (in foto) in programma per il pomeriggio tra una delle squadre di Lattarico, il Piretto e il Santa Domenica, viene osservato un minuto di raccoglimento per ricordare la giovane vita spezzata. Squadre allineate a centrocampo e alla fine un grande applauso tutto per Silvio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?