Salta al contenuto principale

Copasir, Belisario chiede una seduta urgente

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

IL capogruppo dell’Idv al Senato, Felice Belisario (in foto), in una lettera al presidente del comitato di controllo sui servizi segreti, Massimo D’Alema, ha definito «urgente l’audizione del direttore dell’Agenzia informazioni e sicurezza interna, generale Giorgio Piccirillo, dopo quanto dettagliatamente riportato dagli organi di stampa sul coinvolgimento anche di uomini dei servizi nell’indagine giudiziaria nota come “Toghe lucane bis”». Secondo Belisario, che fa parte del comitato, «quanto è emerso appare di particolare gravità ed una verifica puntuale serve anche a salvaguardare l’immagine dei nostri servizi dopo la pubblicazione delle intercettazioni a seguito delle indagini della Procura della Repubblica di Catanzaro. È tempo che si faccia finalmente piena luce sui fatti che qualcuno vuole un’altra volta mettere sotto traccia», ha aggiunto Belisario. Da chiarire c’è sicuramente il ruolo di Nicola Cervone, alias Nikeo, agente o ex agente dei servizi segreti - chi può dirlo se non il generale Piccirillo - oltre a quanto riferisce in una conversazione agli atti degli inquirenti. Parlando con il poliziotto che ha materialmente spedito il plico con l’esposto a firma del «signor Sicofante», che ha dato il “la” all’inchiesta “Toghe lucane bis”, Cervone è stato registrato mentre faceva riferimento a una sua imminente nomina come consulente proprio al Copasir in termini che lasciano intravedere una specie di ricompensa per il lavoro svolto. Di più Cervone aggiunge che avrebbe portato con sè anche il poliziotto che nel frattempo era stato già raggiunto da un avviso di garanzia per quella faccenda. È chiaro che se risultasse vera anche soltanto la prima parte di quanto affermato lo scenario si aprirebbe a complicità di altissimo livello. Chi poteva garantire una consulenza al Copasir per Cervone se non un infiltrato al suo interno? Chi poteva offrirgli una ricompensa del genere per aver portato a termine l’operazione «Sicofante» a scapito del pm Henry John Woodcock? Millanterie? Il generale Piccirillo potrebbe offrire elementi fondamentali per stabilire quanto è realmente successo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?