Salta al contenuto principale

Politica lucana.
«Tagliare tanto e subito»

Basilicata

L’idea è quella di eliminare il vitalizio Folino però boccia «solo una inutile propaganda». Romaniello illustra la proposta “solitaria” per risparmiare, da ora, 800 mila euro l’anno

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

POTENZA -L’abbattimento del costo della politica non è più una questione rimandabile. E le proposte non mancano. Solo alla Regione Basilicata ce ne sono tre sul tavolo. Ieri però è toccato al consigliere Giannino Romaniello della Sel spiegare la propria: «Noi chiediamo di abolire l’assegno vitalizio per i consiglieri regionali già dalla legislatura in corso, comprendendo anche le voci legate all’indennità di carica per il pagamento di questo tipo di “bonus” nelle buste paga degli eletti».
Il risparmio sarebbe “importante” per l’ente regionale. Solo per le spese di mantenimento della massima assise regionale si risparmierebbero «817 mila euro l’anno». In pratica per l’intera legislatura ha assicurato Romaniello «si potrebbe ottenere un taglio pari a circa 4 milioni di euro».
In buona sostanza, hanno spiegato i dirigenti della Sel, presenti nella 3 del palazzo del consiglio regionale ieri mattina, «con questi soldi si otterrebbero più o meno gli stessi vantaggi in termini economici previsti con l’applicazione dei Ticket sulla Sanità».
Romaniello, è parso più che convinto della bontà della proposta, e quindi ha aggiunto: «La mia è diversa da altre già presentate, l’ultima delle quali ieri dall’ufficio di presidenza dell’aula, perchè taglia realmente i costi della politica e parte da ora, perchè la crisi economica è già in corso».
Romaniello che non ha fatto mistero di non essere in sintonia con il resto della maggioranza regionale e soprattutto con la proposta dell’Ufficio di presidenza del consiglio regionale guidato da Vincenzo Folino («pensano a tagliare per il futuro e non cifre così importanti come queste») ha poi concluso: «Qualcuno potrebbe avanzare ha avanzato dubbi di costituzionalità, ma se tutti concordano con i tagli, non vedo come si possa bloccare una norma che aiuta la comunità». Per rafforzare la proposta ieri presentata, il consigliere regionale Romaniello ha anche anticipato la volontà di inviare a tutti gli esponenti della Sel eletti in altre regioni per farne una iniziativa di carattere nazionale.
Per casualità, subito dopo la conferenza della Sel, a pochi metri Folino ai giornalisti ha replicato: «Rispetto Romaniello ma la sua mi sembra solo un’iniziativa di propaganda».

Salvatore Santoro

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?