Salta al contenuto principale

2^ Divisione. Catanzaro, la vetta è vicina

Basilicata

Per arrivare al primo posto serve solo un punto. La squadra di Cozza si prepara al match di Isola Liri. Rammarico per la mancata vittoria nel derby che sarebbe valso il primato

Tempo di lettura: 
2 minuti 22 secondi

Il Catanzaro domenica scorsa avrebbe potuto appropriarsi della prima posizione in classifica, ma non è riuscito ad andare oltre lo 0-0 contro una Vibonese che ha confermato la sua caratteristica di squadra da trasferta. Al Ceravolo, infatti, la squadra di Viola centra il suo terzo risultato consecutivo: due pareggi, Perugia e Catanzaro ed una vittoria sul terreno del Celano. Un'occasione persa per il Catanzaro ma non troppo, considerato che il campionato è ancora ben lontano da individuare le squadre che, alla lunga, faranno la differenza.
E domenica scorsa, al Ceravolo, Accursi e compagni hanno dovuto giocare anche contro un avversario impalpabile e fastidioso: quella nebbia che di tanto in tanto arriva sulla città per scombinare soprattutto i programmi dei giallorossi. Era successo in altre occasioni ed è successo domenica contro la Vibonese. Ne è venuta fuori una partita strana dove, a farla da padrona, è stata soprattutto l'ansia di sbloccare il risultato. Ancora un pareggio, dunque. Il terzo consecutivo. Punti “persi” per strada che, alla fine, si spera non pesino più di tanto. Bene per quelli ottenuti contro Campobasso e L'Aquila, meno bene per quelli interni contro Milazzo e Vibonese. Da oggi, però, il pensiero torna al campionato. C'é da preparare la difficile trasferta di domenica ad Isola dell'Iri. Prima della sfida di domenica, però, per la squadra di Cozza c'è da onorare l'impegno di Coppa Italia di domani pomeriggio contro l'Ebolitana. Una partita che darà la possibilità, a buona parte degli elementi in organico che non hanno trovato spazio in campionato, di dimostrare le loro qualità tecniche. Un'opportunità da non perdere soprattutto per i ragazzi della formazione Berretti che avranno così l'occasione di mettersi alla prova in una competizione nazionale. Ieri mattina, nel giorno dedicato al riposo, parte della squadra ha comunque ripreso gli allenamenti. Le convocazioni, sul sintetico del Curto, sono arrivate solo per otto elementi della prima squadra: il portiere Luca Scerbo, quindi Corso, Maita, Mannone, Figliomeni ed i brasiliani Guto, Thiago e Ghy. A questi si sono aggiunti i ragazzi della Berretti. Per la mattinata di oggi, invece, l'appuntamento è alle 10 sul terreno del Ceravolo. Cozza ed il suo secondo D'Urso avranno a disposizione tutti. Solo il tecnico decidere come vorrà lavorare in vista degli impegni di coppa e di campionato. Nessuna novità, intanto, per quello che riguarda il tesseramento dell'esterno destro di centrocampo Luca Petri ('89) arrivato la settimana scorsa. Pisano di nascita, nelle ultime tre stagioni Petri ha vestito la maglia del Lecco e della Luccese, società con la quale conta anche sette presenze in Prima divisione. Attualmente libero, il giovane attaccante sembra aver già convinto il tecnico che, quanto prima, darà disposizioni affinché si formalizzi il suo tesseramento. Con Petri, dunque, si metterebbe mano solo in parte a quelli che sono i correttivi da apportare alla formazione giallorossa e di cui il tecnico ed i dirigenti giallorossi non ne hanno mai fatto mistero.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?