Salta al contenuto principale

Strongoli: una bravata mette in allarme
i genitori di tre minorenni

Basilicata

Tre minori spariti nel nulla nella notte. Rintracciati lungo la costa, era solo una bravata. Notte movimentata in un piccolo centro della presila Crotonese

Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

Tre minori, approfittando delle ore notturne e della tranquillità del luogo, e dopo aver preso un’autovettura hanno raggiunto le spiagge deserte di Strongoli Marina. Una bravata che forse non dimenticheranno mai, i tre minori che la scorsa notte hanno fatto perdere le loro tracce tenendo impegnati i Carabinieri e i parenti che fino alla tarda mattinata li hanno cercati.
Era già notte fonda quando i tre adolescenti, di soppiatto, hanno preso l’autovettura di uno dei genitori e sono partiti per una meta ignota, forse il mare, attrezzati con zainetti pieni di ricambi, e dopo aver percorso fortunosamente le strade viscide si sono trovati di fronte ad una spiaggia, quella della marina di Strongoli.
Hanno così abbandonato l’auto e si sono allontanati a piedi. L’altro lato della vicenda ha visto protagonisti però i genitori, la loro apprensione, nei confronti di quei figli che non si trovavano nei loro letti. E’ scattato così l’allarme, la chiamata al 112 e subito le ricerche che si sono fatte sempre più serrate. I militari, del Norm e delle Stazioni Carabinieri di Strongoli, Torre Melissa e Cirò Marina, hanno battuto il territorio alla ricerca di qualche traccia e di indizi per cercare quei giovani che non si riusciva a capire dove potessero trovarsi fino a quando una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile di Cirò Marina ha trovato l’auto parcheggiata, regolarmente chiusa, sul ciglio di una strada alla frazione marina di Strongoli, non si riusciva a capire dove fossero andati dopo aver abbandonato l’auto.
Le ricerche si sono concentrate sulla fascia costiera e così sia a bordo dei mezzi che a piedi, i militari hanno battuto tutto il territorio alla ricerca di quei giovani, oltre a cercare qualche indizio utile dalle indicazioni dei parenti.
Alle prime luci del giorno però cercando sulla spiaggia il primo indizio è balzato agli occhi degli investigatori, alcune pedate sulla sabbia umida, che conducevano ai binari della vicina linea ferroviaria in direzione nord, e così percorrendo la linea ferrata i Carabinieri sono arrivati fino a Torre melissa dove si sono estese le ricerche e dove a metà mattinata i tre ragazzini impauriti sono stati individuati. Alla vista dei militari si sono subito sbilanciati a cercare scuse a provare a giustificare il gesto che per fortuna e grazie alla tempestività e capillarità delle ricerche alla fine, come ammesso dai giovani, si è rivelato una bravata. Dopo il brutto spavento ed una notte all’addiaccio i tre ragazzi sono stati riconsegnati ai propri genitori.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?