Salta al contenuto principale

Serie B. Crotone, doppia beffa
difficile da accettare

Basilicata

Ko per un gol dell’ex e dopo aver dominato. Si fa fatica ad accettare una sconfitta maturata nell’ultimo minuto di una partita

Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Il Crotone a Verona se n’è dovuto tornare a casa sconfitto dopo aver dominato per almeno un’ora. Il Verona è stato fortunato, il suo portiere è stato il migliore in campo e ai rossoblu si può solo contestare un inizio magari timoroso e i gol subiti, frutto di un allentamento della concentrazione a significare che in serie B l’attenzione e la concentrazione deve terminare solo dopo aver fatto la doccia a fine gara, nemmeno un attimo prima.
Il gol vittoria di Mimmo Maietta (in foto con la maglia rossoblù), cirotano che ha giocato tre stagioni e mezza col Crotone, è la classica beffa che si aggiunge al danno. Maietta non aveva mai segnato prima d’ora e ha pensato bene di farlo contro la sua ex squadra. L’esultanza e le presunte lacrime di gioia del cirotano non sono piaciuti a molti tifosi crotonesi anche se Maietta, rispondendo ai giornalisti a fine gara, ha motivato la sua gioia esplosiva solo col fatto di aver segnato il suo primo gol, a tempo scaduto e di gran classe. Niente a che vedere con la mancanza di rispetto verso il Crotone e i suoi tifosi.
Un boccone amaro dunque, che il Crotone ha dovuto ingoiare alla fine ma bisogna rimarcare che questo è il bello e il brutto del calcio.
Ma dalla gara di Verona c’è da tenere conto sempre dell’aspetto positivo della prestazione che è stata più che positiva e della condizione fisica della squadra che, specie nella ripresa, è sembrata avere una o forse due marce in più degli avversari. Tutto questo deve essere visto in ottica prossima partita quando allo Scida arriverà la capolista Torino, bloccata in casa nel posticipo dal Bari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?