Salta al contenuto principale

La Me.Co Potenza attesa
dalla corazzata Canottieri Lazio

Basilicata

I rossoblu tornano alla Futsal Arena dopo la final eight di Coppa Italia dell'anno scorso. L'obiettivo è prolungare l'imbattibilità esterna. Tutti disponibili tranne Bruno Rossa

Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

POTENZA – Canottieri Lazio-Meco Potenza era la gara più attesa otto mesi fa nella Final Eight di Serie B. I laziali rispettarono il pronostico (aggiudicandosi poi il trofeo), i potentini no, col lasciapassare per la finale di Coppa ceduto alla Reggiana che si aggiudicò il match di semifinale ai calci di rigore dopo aver recuperato (da 0-4 a 4-4) una partita che sembrava ormai persa.
Questa volta però la sfida tra biancocelesti e rossoblu ci sarà, nella splendida location della Futsal Arena. All'ottava di campionato si trovano di fronte due matricole terribili della serie A2: la seconda (Canottieri) contro la terza (Meco). Nel match di domani (sabato 19 novembre, start alle 15,30) i favori del pronostico sono tutti per i padroni di casa: il presidente Ranaldi ha messo a disposizione di coach Ripesi una vera e propria corazzata che domenica scorsa ha subìto il primo stop stagionale a Genzano contro l’altra grande protagonista di questa stagione, la capolista Cogianco che viaggia a punteggio pieno. Ma anche Potenza vanta numeri niente male: il roster di Bosco ha in corso la serie positiva più lunga (dopo la Cogianco) con 3 vittorie e 2 pari nelle ultime 5 giornate e inoltre fuori casa finora non ha mai perso. Le statistiche lasciano, spesso, il tempo che trovano ma le antenne laziali restano dritte: la Meco va prese con le pinze.
BOSCO - Nel team potentino il clima è sereno, la squadra è in gran forma e affronta il match con lo spirito di chi ha tutto da guadagnare. La tranquillità è perfettamente rappresentata da mister Bosco che domenica scorsa era al PalaCesaroni per assistere alla madre di tutte le sfide: “E’ stata una partita molto intensa. La Cogianco ha meritato di aggiudicarsi il primo round ma la Canottieri ha dimostrato tutta la sua forza. Mi ha stupito la qualità dei singoli dei biancocelesti: Junior, Velazquez, Follador sono dei campioni da categoria superiore, e poi c’è quel Giustozzi che è la vera anima della squadra e regista di tutte le trame dei laziali. Ognuno di loro può decidere da solo una partita”. La Canottieri dovrà fare a meno di capitan Romano (squalificato) mentre nella Meco sono tutti a disposizione se si eccettua Bruno Rossa che sta effettuando il decorso post-operatorio dopo l’operazione al menisco che lo terrà fermo per almeno altre tre settimane. Nonostante la forza degli avversari, Bosco non è preoccupato: “Ho avuto buone sensazioni durante questa settimana. I ragazzi si sono allenati bene. Vedo continui miglioramenti dal punto di vista fisico, tattico, tecnico e mentale. E poi giocare questo tipo di partite è il massimo. Ci sentiamo pronti e non partiamo battuti”.
DUE PARTITE IN 72 ORE – La gara con la Canottieri Lazio sarà seguita dal turno infrasettimanale di martedì 22 novembre dove la Meco ospiterà il Napoli MaMa (alle 19,30). Ma non è previsto nessun tipo di turn-over o gestione del minutaggio: “Non sono il tipo che va al risparmio – dichiara Bosco – e non voglio risparmiare nessuno. Affrontiamo una gara alla volta. Sempre al massimo”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?