Salta al contenuto principale

Catanzaro. Aperta un'inchiesta per il crollo
del muro che ha ucciso un 57enne

Basilicata

La Procura della Repubblica del Tribunale di Catanzaro ha aperto un’inchiesta sul crollo di un muro, ieri, che ha causato la morte di Natale Zicchinella

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Un inchiesta è stata aperta a seguito della morte di Natale Zicchinella, 56 anni, provocata dal crollo di un muro, avvenuto ieri a causa del maltempo a Catanzaro. Zicchinella è rimasto schiacciato dalle macerie nella sua officina in località Campagnella, nel rione sala del capoluogo. Il sostituto procuratore Paolo Petrolo procede formulando l'ipotesi di omicidio colposo anche se al momento non ci sono indagati.
La Polizia di Stato, che procede nelle indagini, punta a ricostruire i fatti, soprattutto rispetto a possibili responsabilità legate al crollo del muro di contenimento. Sull'area, d’altronde, esistevano diverse segnalazioni di pericolo, oltre ad altrettante richieste di intervento per la situazione drl terreno che sovrasta il capannone investito dal crollo.
La zona, infatti, risulta essere occupata da rifiuti di ogni genere, in prevalenza carcasse di automobili, vecchi elettrodomestici e materiale di risulta. I residenti hanno evidenziato, dopo il crollo, che da anni erano stati segnalati i possibili pericoli. Il capannone dove lavorava Zicchinella risulta essere occupato in fitto dalla vittima, quindi non era di proprietà del carrozziere deceduto. Il magistrato inquirente non ha ritenuto necessaria l’autopsia.

A CATANZARO RESTA ALTO L'ALLARME PER IL MALTEMPO
In città si fa la prima conta dei danni, a partire dalla necessità di intervenire con urgenza laddove ci sono cittadini ancora fuori dalle abitazioni. Sono almeno una quarantina gli alloggi fatto sgomberare, che sono stati invasi dall’acqua e dalla melma, soprattutto nei territori di periferia che risultano essere i più colpiti. Danni ingenti si registrano, infatti, nei quartieri di Santo Janni, Alli, Campagnella e Sala, mentre resta l’ordinanza di evacuazione per l’immobile adiacente la frana dove ha perso al vita il meccanico. Gli operatori di Vigili del fuoco, Protezione civile, volontari e forze dell’ordine sono al lavoro per migliorare la condizione della viabilità, con strade impraticabili in diversi punti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?