Salta al contenuto principale

Matera, impatto mortale
per un giovane centauro

Basilicata

Voleva provare quel bolide della Honda ma forse una distrazione gli è stata fatale. Il 22enne Roberto Mercadante si è schiantato con la sua moto a Serra Venerdì

Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

ERA uscito per un giro in moto dopo il pranzo domenicale con la sua famiglia, ma una fatale distrazione o un azzardo gli sono costati la vita.
E’ morto così Roberto Mercadante (nel riquadro), 22 anni, vittima di un tragico incidente avvenuto ieri pomeriggio, intorno alle 15 nel popoloso quartiere Serra Venerdì. Si è schiantato contro il cordolo di un marciapiede, nei pressi dell’incrocio con via Loperfido. Un impatto violentissimo, che non gli ha lasciato scampo, tanto che i sanitari del 118, accorsi sul posto insieme con la Polstato, non hanno potuto fare altro che constatare la morte istantanea del giovane.
Secondo le prime testimonianze, pare che Mercadante stesse provando a registrare la sua moto, una potentissima Honda Cbr 600 di colore grigio e nero. La tragedia si è consumata nel cuore del quartiere popolare, quando il destino ha chiamato il giovane a mettersi in sella a quel bolide perchè aveva deciso di provarlo percorrendo a forte velocità la strada che conosceva meglio, quella in cui si trovava anche la sua abitazione.
Strade urbane prevalentemente dritte, con incroci a raso ma traffico scarso, soprattutto la domenica pomeriggio a quell’ora.
La dinamica dell'incidente non è stata ancora chiarita dagli agenti della Polstato che hanno fatto i primi rilievi, ma sicuramente il giovane, che non indossava il casco, viste le conseguenze dell’urto sulla sua testa, dopo aver perso il controllo della moto ha sbattuto sul ciglio del marciapiede morendo all’istante. Il corpo è scivolato qualche metro più avanti, fermandosi in mezzo alla carreggiata, mentre la moto ha terminato la sua folle corsa su quel marciapiede, che circonda il campo di calcio del quartiere, dove probabilmente Roberto aveva trascorso tante giornate in allegria con gli amici.
Il magistrato di turno, con l’ausilio della Polizia, dovrà provare adesso a ricostruire la dinamica esatta dell'incidente, che pare fin troppo chiara. Roberto era figlio unico e abitava con la madre a pochi metri dal luogo in cui si è consumata la tragedia. Sul posto sono arrivati parenti e amici del giovane centauro, tutti molto scossi da una tragica fatalità che ha sottratto Roberto ai suoi affetti.
L’intero quartiere è a lutto per la tragedia che ha turbato una tranquilla domenica pomeriggio.

Antonio Corrado

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?