Salta al contenuto principale

Acqua, rubinetti a secco
a Catanzaro e Cosenza

Basilicata

Ieri e oggi gli abitanti e i titolari di attività commerciali ubicate nella fascia urbana delle due città hanno avuto a che fare con i disagi dovuti all’interruzione dell’erogazione di acqua

Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

Niente a Cosenza nel centro di Catanzaro e Cosenza dove i cittadini temono che, alla base dei disservizi, ci possano essere ancora i contenziosi in atto con la Sorical, la società di gestione delle risorse idriche calabresi. La mancata erogazione dell'acqua ha interessato le città nella giornata di ieri e in quella di oggi, lasciando a secco gli abitanti e i titolari di attività commerciali. Anche se gli interventi erano stati anticipati da comunicati stampa: «Quello che si sta verificando in queste ore – dice il sindaco di Catanzaro Michele Traversa – ha a che fare con dei lavori che Sorical ed Enel stanno svolgendo nell’impianto di San Pietro Magisano. Dalle due della notte scorsa, comunque, l’acqua ha iniziato ad affluire e in giornata la situazione si dovrebbe ripristinare. In ogni caso, stiamo preparando un’azione per evitare che in futuro Sorical possa ridurre l’erogazione idrica dal momento che i soldi per saldare i crediti alla società ci sono ma non possono essere versati essendo le somme pignorate per decisione di un giudice su richiesta di un’azienda creditrice della stessa Sorical».
Anche a Cosenza, dove nelle scorse settimane Sorical aveva dimezzato la portata dell’erogazione costringendo il Comune a pagare delle somme, sono tanti i disagi per i lavori di riparazione della condotta principale. Il vice sindaco, Katya Gentile, ha tenuto sulla questione una serie di riunioni in mattinata. Secondo Giovanni Belmonte, responsabile dell’ufficio di zona di Cosenza della Sorical, «la situazione è legata agli interventi sulla condotta principale. Purtroppo le condizioni atmosferiche di ieri hanno influito negativamente, ritardando il completamento dei lavori. In ogni caso, non c'è alcuna riduzione della portata».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?