Salta al contenuto principale

Reggio: nascondeva un'arma sottratta
durante una rapina, arrestato

Basilicata

Il fucile è risultato provento della rapina del 20 settembre del 2010 ai danni dell’armeria Sniper di Reggio Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

I Carabinieri della Stazione Pellaro di Reggio hanno tratto in arresto Domenico Cogliandro, 47 anni, commerciante di prodotti per animali da allevamento, con l’accusa di detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione di arma. I militari sono arrivati all’abitazione dell’uomo, nella frazione di Pellaro a seguito di indagini ed hanno effettuato una perquisizione domiciliare.
L’abitazione dell’uomo è stata controllata in ogni punto e, in una camera da letto, abilmente nascosta su un armadio, è stata rinvenuta una carabina con calciolo reclinabile calibro 7,62 con relativo caricatore e 25 colpi del medesimo calibro, nonchè 50 colpi cal. 9 corto per pistola e 35 colpi cal. 9x21. L’arma trovata, rientra tra quelle sottratte durante una rapina a mano armata avvenuta il 20 settembre 2010 ai danni dell’armeria "Sniper" di Reggio, colpo che portò anche alla sottrazione di oltre dieci pistole di diverso calibro. L’uomo, già detentore in passato di armi regolarmente denunciate, era stato recentemente destinatario di divieto di detenzione armi a seguito di irregolarità. Tratto in arresto, è stato associato alla casa circondariale di Reggio Calabria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?