Salta al contenuto principale

'Ndrangheta: confiscati beni per 4mln
di euro, tra Lombardia e Calabria

Basilicata

I beni per un valore complessivo di 4 milioni di euro appartengono a Vincenzo Rispoli, e a Giulio Baracchi, della locale della ’ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo (Varese)

Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

I carabinieri hanno confiscato beni per un valore di 4 milioni di euro a Vincenzo Rispoli, a capo della 'locale' della ’ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo (Varese), già condannato a 11 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, e al 'commercialista' dell’organizzazione criminale, Giulio Baracchi.
A Rispoli sono stati confiscati una villa a Legnano (Milano), un terreno agricolo a Cirò Marina (Crotone), due auto e conti correnti per un valore complessivo di oltre un milione di euro.
Ammonta a tre milioni di euro, invece, il valore dei beni sottratti a Baracchi grazie a un decreto di sequestro dei beni propedeutico alla confisca: case, terreni e box a Portovaltravaglia (Varese), oltre alle quote di una società che si occupa di gestione del personale e titoli bancari. Fra questi uno, attivo in una banca del Canton Ticino, in Svizzera, aveva un saldo di circa un milione e 300mila euro.
Secondo quanto è emerso dalle indagini, coordinate dalla Dda di Milano, Rispoli era a capo di un’organizzazione criminale legata alla cosca dei Farao-Marinicola di Cirò Marina e radicata nel territorio a cavallo fra le province di Varese e di Milano che, attraverso rapine ed estorsioni, si procurava denaro da reinvestire in imprese edili e attività commerciali. Nel corso dell’operazione dei carabinieri contro le infiltrazioni mafiose nel Varesotto erano già stati sequestrati beni per un valore di 33 milioni di euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?