Salta al contenuto principale

Serie B. Reggina: appuntamento
al 27 al Sant’Agata

Basilicata

Ultimo allenamento per i giocatori prima delle feste di Natale e soprattutto “un panettone farcito di dubbi” per Foti in bilico tra la conferma di Breda e i rinforzi che dovranno arrivare

Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

La Reggina si consola con i successi del Natale Amaranto e con il gesto di solidarietà nei confronti dell'Hospice via delle stelle. La società amaranto ha invitato la città ad essere protagonista di questo gesto importante e la risposta è stata tangibile. Sabato la squadra ha conquistato un pareggio importante contro il Sassuolo, squadra d'alta classifica e la domenica successiva è arrivato il contributo di solidarietà nella serata conclusiva di piazza Duomo. Sul palco, i calciatori amaranto in versione “Babbo Natale”, nonostante il rammarico per la mancata vittoria nell'ultima partita del 2011, hanno regalato una pioggia di sorrisi agli amici dell'Hospice, consegnando oltre cinquanta premi a tutti i protagonisti della solidarietà.
Soddisfatto per l’iniziativa il presidente Foti, che ora però è impegnato in difficili decisioni e presto, dovrà anche tornare ad operare sul mercato per correggere la sua Reggina che dovrà fare i conti con un pericoloso Vicenza nella prima partita del 2012 e subito dopo, con l'intero girone di ritorno. Anche Breda infatti crede che il vero campionato comincerà nel girone di ritorno e da marzo si farà sul serio. La Reggina, nonostante la flessione, è ancora in zona play off, ma i dirigenti amaranto devono decidere subito con che spirito continuare e soprattutto, se affidarsi alla stessa guida tecnica e magari, come modificare l'organico. Il presidente Foti però ha affermato di non avere alcuna intenzione di cambiare guida tecnica. E’ possibile però che, all'inizio del girone di ritorno, se la squadra non tornerà a vincere e convincere, sulla panchina ci potrebbe essere un nuovo allenatore.
La squadra ora, ha bisogno di una maggiore esperienza e solidità a centrocampo dove non è stata trovata ancora la quadratura del cerchio come lo stesso allenatore ha dichiarato, giustificando i continui cambi di formazione ed i numerosi avvicendamenti. Se Missiroli, Adejo ed i giovani di centrocampo sono molto richiesti, è fondamentale rimpiazzarli bene. Dando alla squadra, magari, una migliore consistenza tecnica ed esperienza. Tutto ruota attorno a Missiroli che è divenuto l'oggetto del contendere di molti club della massima serie.
Ieri intanto, ultima giornata di allenamenti, con una doppia seduta. Da oggi tutti liberi. Appuntamento al 27 al centro di Sant'Agata per riprendere la preparazione. Brinderanno al nuovo anno a Reggio, poi riprenderanno gli allenamenti in vista della prima gara del 2012, in trasferta, contro il Vicenza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?