Salta al contenuto principale

Serie D/I. Il Cosenza
in cerca di nuovi soci

Basilicata

Guarascio ha sondato la disponibilità di alcuni imprenditori a farsi avanti nel club. Oggi riprendono gli allenamenti per i rossoblù

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Oggi riprende il lavoro dei calciatori del Cosenza nel primo pomeriggio nonostante, nella fase pre-natalizia, i rossoblù avevano messo a segno un carico di lavoro non indifferente, capace di dare nerbo ad una squadra che la preparazione vera e propria l'ha saltata e comunque è composta di calciatori che l'hanno fatta in altre sedi e con metodi differenti.
Il Cosenza è reduce da una vittoria importante in casa con l'Adrano, dove il calcio di rigore di Manolo Mosciaro è stata solo la ciliegina sulla torta di una bella prestazione che si attesta in linea con le altre, ad esclusione dell'esibizione horror di Sant'Antonio Abate. Il Cosenza, nel 2102, è costretto a partire subito forte, ricominciando da un terreno campano come quello del Nuvla San felice, in sintetico, croce e delizia della modernità pallonara. Lì, i rossoblù, dovranno cercare i tre punti anche per approfittare di una insidiosa tappa che attende l'Hinterreggio sul campo del Sambiase.
Dopo la Nuvla sarà la Nissa ad arrivare al San Vito per il secondo match dell'anno. A seguire ancora in trasferta in Sicilia, sul terreno del Noto, avversario di buon livello. Altra gara interna per il Cosenza al san Vito con l'inedita gara contro l'Acri che si trova attualmente quattro punti avanti al Cosenza.
Patania, sul piano tattico, ha fatto quadrare il cerchio scegliendo un modulo, il 4-2-3-1 che, in corso d'opera, spesso diventa un 4-3-3 che ben si disegna al suo organico, ora congruo alle giocate di una primadonna del torneo. Questo in attesa di chiudere la campagna acquisti con l'arrivo di un altro under come Zero, il difensore svincolatosi dal Salerno e già stabilmente al Sanvitino, oppure dei leccesi Zizzi e Rosato.

SOCIETA’
Sul piano societario, il presidente Eugenio Guarascio avrebbe fatto una serie di telefonate di sondaggio ad imprenditori cosentini per carpire la disponibilità ad investire nel club. Base d’asta 50 mila euro per una quota.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?