Salta al contenuto principale

Capodanno. Per i botti del 2012
ventidue feriti in Calabria

Basilicata

Anche il capodanno 2012 fa registrare feriti a causa di botti e fuochi: città dei Bruzi indenne. A Crotone un bambino colpito di striscio da un proiettile. A Catanzaro un uomo perde la mano e un altro

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Un bilancio che non promette nulla di buono per il nuovo anno: ventidue persone, tra cui un ragazzo di dieci anni, sono rimaste ferite in Calabria durante i festeggiamenti per il nuovo anno a causa dei botti e di proiettili vaganti.
Il maggior numero di feriti sono stati registrati in provincia di Reggio Calabria e Catanzaro. A Villa San Giovanni e Siderno, nel reggino, tre persone sono state lievemente ferite da colpi d’arma da fuoco sparati durante i festeggiamenti (una di loro, una donna, mentre era sul balcone di casa a festeggiare). Le loro condizioni non destano preoccupazione.
Sempre in provincia di Reggio Calabria vengono segnalati altri sei feriti a causa dell’esplosione dei botti. In provincia di Catanzaro il bilancio è di otto feriti. Una persona 53 anni ha subito l’amputazione di una mano mentre un venticinquenne del capoluogo calabrese ha perso un occhio. Altre cinque persone hanno subito delle ferite lievi con prognosi che vanno dai 7 ai 30 giorni.
A Crotone un ragazzo di 10 anni si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale perchè è rimasto lievemente ferito ad una gamba da un proiettile vagante sparato durante i festeggiamenti per il capodanno.
A Vibo Valentia il bilancio è di tre feriti di cui un uomo di Soriano ha subito l’amputazione di un dito. In tutta la provincia di Cosenza viene segnalato solamente un ferito a Rossano le cui condizioni non destano preoccupazione: si tratta quasi di un record. Nella città capoluogo nessuna segnalazione al riguardo al Pronto Soccorso.

LA PRIMA NATA DEL 2012 IN CALABRIA
E' una bambina e si chiama Giovanna Maria la prima nata in Calabria del 2012. La piccola è venuta alla luce alle 0.03 nel reparto di neonatologia dell’Ospedale Pugliese di Catanzaro. I genitori della bimba, il padre originario di Soverato (Catanzaro) e la madre di Galluccio (Caserta), risiedono a Bologna e sono giunti nei giorni scorsi in Calabria per trascorrere alcuni giorni di vacanza non pensando di dover prolungare le vacanze per questo lieto evento. Prima della mezzanotte la donna è stata ricoverata e poco dopo ha dato alla luce la bambina. La piccola pesa circa due chili e gode di ottima salute.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?