Salta al contenuto principale

Sbarco difficile a Crotone, 79 immigrati
tra i quali tre minorenni

Basilicata

Il mare grosso e il vento hanno reso assai difficoltoso il salvataggio di 79 immigrati. Accertamenti della squadra mobile in corso su un egiziano che sarebbe il presunto scafista

Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

Uno sbarco a tratti drammatico quello che ha visto ieri sera approdare nel porto di Crotone 79 immigrati, tutti maschi, tra cui tre minori, di nazionalità presumibilmente egiziana e libica. L'operazione di soccorso è stata coordinata dalle prime ore della mattinata dalla Capitaneria di porto di Crotone. L'emergenza era scattata intorno alle 10, quando la sala operativa della stessa Capitaneria ha intercettato una comunicazione radio di un motopesca a 33 miglia a largo del porto in difficoltà. Un motopeschereccio di circa 25 metri di lunghezza con a bordo 79 immigrati, aveva segnalato un’avaria al motore e la conseguente difficoltà di navigazione. A rendere la loro navigazione oltremodo pericolosa anche il mare grosso.
A rendere il salvataggio molto complicato, le condizioni meteo avverse e del mare, superiore a forza 5 ed in aumento. Per due volte il rimorchiatore ha dovuto rifare la manovra di abbordaggio a causa della rottura dei cavi di ormeggio. Sono dovute rientrare per cause tecniche, invece, le due motovedette della capitaneria e della guardia di finanza.
Nonostante le difficoltà, però, l'equipaggio del Supply è riuscito, dopo alcune ore e dopo vari tentativi di affiancamento, a trasbordare in sicurezza gli occupanti il motopesca. Così, alle 19.30 il convoglio, scortato ha raggiunto il porto di Crotone. Il motopescherecchio con cui i migranti erano giunti a 30 miglia circa dalle coste crotonesi è stato abbandonato, anche per snellire al massimo le operazioni di soccorso.
Ad accogliere i migranti, la task force prevista in queste occasioni per portare i primi soccorsi, composta da Polizia, Carabinieri, guardia di finanza, Capitaneria ed i volontari della Misericordia e della Cri.
Attimi di timore si sono vissuti anche al momento dell’approdo nel porto pitagorico. Alcuni migranti, infatti, una volta messo piede sul porto si sono accasciati al suolo, per la troppa stanchezza o per il freddo e gli stenti che hanno subito durante tutta la giornata.
Fortunatamente, dopo le prime cure del caso, sembra che siano tutti in buone condizioni i 79 immigrati. Le indagini sullo sbarco sono affidate alla Squadra mobile di Crotone che avrebbe già individuato lo scafista, un egiziano, su cui stanno facendo i dovuti riscontri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?