Salta al contenuto principale

E Arisa raggiunge Papaleo a Sanremo

Basilicata

L'annuncio in diretta tv (e su Twitter): la cantante di Pignola torna sul palco della città dei fiori tra i big. Poi il duetto con Feliciano

Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

L'annuncio in diretta e in pompa magna dal palco dell’Arena in casa Rai lascia intuire grandi sorprese. «Mi dicono stia cambiando pelle», spiega a massimo Giletti un Gianni Morandi elegantissimo, padrone di casa del prossimo Sanremo. Dallo schermo il lancio del nome del big numero dieci che conferma alcune indiscrezioni. Arisa parteciperà alla 62esima edizione del festival della canzone italiana portando in gara il brano “La Notte”, e non è detto si tratti di un motivetto facile-facile, di quelli che in questi anni l’hanno resa regina del ritornello tormentone e che le sono valsi fama, notorietà e pure parecchie simpatie. Lei, in diretta, twitta un chiarissimo "Evvai". C'è, sarà in gara, lo comunica ai fans. Il dettaglio arriva qualche minuto più tardi, sempre su Twitter: «Felicità è mangiare un brodino e andare a Sanremo la felicità». Comincia tornando dalle vacanze trascorse a Praga. Da oggi è di nuovo a Milano, pronta alla preparazione sanremese.
Ancora Basilicata a Sanremo. Anzi, doppia Basilicata, vista la già confermata co-conduzione affidata a Rocco Papaleo. Morandi ha scelto il cantautore/attore di Lauria puntando su ironia e forse un po’ di sana follia. In chiave meridionale.
Arisa (che da Twitter fa sapere dello sbarco a Sanremo), invece, sul palco sarà in gara, all’interno di un cast musicale che si profila di grande interesse. Chissà se ancora una volta confermerà il look stravagante, gli occhiali neri enormi (ma di recente spesso riposti) e quell’aria un po’ spaesata che l’ha resa di famiglia anche al grande pubblico. Il caschetto (solo talvolta in versione riccio) è stato lo stile must sfoggiato di recente durante il talent show di Sky (nero, rosso e giallo le variazioni sugli abiti).
La cantante di Pignola (rimasta, giura, la semplice Rosabalba) dovrà vedersela con l’inedita coppia D’Alessio-Bertè, con il ritorno dei Marlene Kunz o con gli intramontabili Mattia Bazar (a fondo pagina la lista completa dei 14 big). Arisa torna sul palco della città dei fiori a tre anni di distanza dalla vittoria di Sanremo giovani (e chi non se la ricorda “Sincerità”?, con tanto di godibilissimo duetto con Lelio Luttazzi). Torna due anni dopo l’approdo in finale con “Ma l’amore no” e, soprattutto, a poche settimane di distanza dall’edizione di X-Factor (record di ascolti su Sky) che l’ha vista nel ruolo di giudice, un po’ talent scout, un po’ personaggio di casa.
Che Sanremo sarà? Quella ai tempi della crisi sarà edizione con qualche veterano, molte voci femminili, un discreto contingente di artisti usciti dai talent show, qualche nome non tipicamente “sanremese”. Ieri pomeriggio, Morandi e Giammarco Mazzi, direttore artistico del Festival di Sanremo, hanno scelto la finestra “L’Arena” della domenica targata Rai Uno per anticipare la squadra dei big in gara al festival e per raccontare un po’ i temi che saranno toccati dalle canzoni. «I temi affrontati dalle canzoni sono tanti - ha spiegato - ovviamente c'è l'amore, ma ci sono anche la religione e l'incomunicabilità. E in molti casi si parla di argomenti legati alla situazione che stiamo vivendo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?