Salta al contenuto principale

Volley. Tonno Callipo parte forte
ma Cuneo non ci sta

Basilicata

Nonostante la partenza sprint la Tonno Callipo Vibo Valentia impatta contro una Bre Banca Lannutti Cuneo

Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

BRE BANCA LANNUTTI CUNEO - TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA 3-1
Era partita molto bene la Tonno Callipo Vibo Valentia ma Bre Banca Lannutti Cuneo è stata capace di incassare la batosta del primo set (perso per 25-17) e imbastire una reazione efficace in grado di stoppare la veemenza dei calabresi nei parziali seguenti e di chiudere i giochi con un quarto set dominato dall’inizio alla fine. Vibo scende in campo con il regista Serafini e Klapwijk sulla diagonale, Barone e Rak al centro, Cernic e Diaz di banda e il libero Fanuli. Nikolov resta in panchina a causa di un risentimento muscolare, mentre Cuneo schiera dall’inizio l’opposto Vissotto (dato in forse alla vigilia, lascerà il posto a Caceres dopo il primo set) insieme a Grbic, Mastrangelo, Fortunato, Ngapeth, Wijsmans ed Henno libero. Vibo si mette subito davanti all’avvio e arriva in vantaggio al primo time-out con l’8-6 firmato Klapwijk. Due punti di vantaggio mantenuti anche nella parte centrale del set, fino al 16-14 ottenuto grazie all’errore al servizio di Ngapeth. È in palla Vibo e prova subito l’allungo al rientro in campo trovando altri due punti importanti con l’errore in attacco di Wijsmans e il tocco vincente di Klapwijk per il 18-14 sul quale Gulinelli chiama il suo primo time-out discrezionale. Barone mette a terra due palloni di seguito portando i suoi al +6 (21-15) e Gulinelli ferma di nuovo il gioco. Con l’attacco vincente di Klapwijk e 7 lunghezze di vantaggio i giallorossi ottengono il set point e vanno ad alzare il muro con Simo-Pekka Olli. La mossa di Blengini si rivela vincente visto che è proprio del muro a tre di Vibo il punto che chiude il primo parziale sul 25-17.
Nel secondo set Gulinelli fa entrare Caceres per Vissotto, l’inizio è simile a quello del primo parziale con la Callipo in vantaggio (8-7) al primo time-out. Stavolta Cuneo tiene botta e si porta davanti quando, al muro su Klapwijk del 12-9, Blengini chiama il suo primo time-out. Vibo prova a restare agganciata con Diaz, ma i bianco-azzurri sono ancora davanti (16-14) al secondo time-out. La Tonno Callipo agguanta il pareggio sul 17-17: è la molla che scatena la reazione di Cuneo, che piazza un mini break di 3 punti (20-17) quando coach Blengini chiama il tempo. Entra Falasca per Klapwijk ma è Wijsmans a trovare il set point su ace per poi sbaglia dai nove metri (24-20). Non sbaglia invece Caceres che mette a terra il punto del pareggio di Cuneo.
Avvio di terzo set nervoso, con Wijsmans che si lamenta platealmente con Blengini e viene richiamato dall’arbitro. Sono i cuneesi a portarsi davanti al primo time-out per 8-5 grazie al muro su Falasca. I piemontesi sono davanti grazie a Caceres e Ngapeth che trova il punto del 16-13. Vibo prova a reagire con Rak (ace del 18-17) e Cernic in pallonetto per il 19-18. L’attacco out di Caceres annulla il vantaggio di Cuneo e Gulinelli chiama il time-out. S’infrange sulla rete il servizio di Wijsmans ed è parità (20-20). Ancora out Caceres e la Tonno Callipo mette il naso davanti rimanendoci grazie ai punti di Falasca (22-21) e Rak (23-22). All’ultima curva però è Wijsmans a regalare ai suoi il set point del 24-23, quando Blengini ferma il gioco. La prima palla set di Cuneo è annullata da Diaz, ma i due punti di vantaggio li siglano i piemontesi con Wijsmans che trova per due volte le mani del muro avversario.
Nel quarto set c’è sempre Falasca, preferito a Klapwijk da Blengini, nelle fila di Vibo, ma sono comunque i piemontesi a portarsi in vantaggio (8-5) al primo time-out. C’è spazio anche per Banderò e Mignolo, ma il vantaggio di Cuneo al secondo spot tecnico è ancora rassicurante. Gli uomini di Gulinelli macinano punti e allungano in scioltezza fino al 19-10 quando Blengini chiama il tempo. Lo svantaggio è ormai troppo pesante per Vibo che non riesce più a ricucire e Cuneo chiude sul 25-15 grazie all’attacco out di Cernic.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?