Salta al contenuto principale

Serie B. Reggina, l’arrivo di Gregucci
non ha cambiato la squadra

Basilicata

Nonostante sia arrivato il nuovo allenatore, gli amaranto fanno sempre gli stessi errori. Sul fronte mercato, Guarna rimane l’obiettivo principale

Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

«Molti errori, ma anche tanto orgoglio»; sono le parole di Gregucci dopo la partita di Modena ma il cammino della Reggina si preannuncia comunque difficile. C’è da attendersi qualcosa di importante dal mercato di riparazione per tentare di aiutare l’allenatore. La Reggina è apparsa la stessa delle precedenti gare, con tanta voglia in più di vincere ma, anche, con i difetti accentuati, in fase passiva. A Modena hanno pareggiato tutti insieme gli undici in campo ma stavano per perdere ed ora al tecnico, non resta che continuare a lavorare con intensità ma cercando un equilibrio mentre alla società, non resta che affidarsi alle possibili operazioni di mercato per dare più esperienza alla squadra. Il presidente Lillo Foti e il direttore sportivo Simone Giacchetta, stamattina andranno a Milano per riallacciare vecchie trattative, prima di tutto in uscita per sfoltire l’organico, ma anche in entrata dopo l’esito della gara di Modena.
Nella nuova Reggina non ci sono solo errori di impostazione. Il 3-4-3 iniziale non è stato interpretato nella giusta maniera dalla squadra, il tecnico deve capire se non è riuscito lui a trasmettere certezze alla squadra o se la squadra, recependo le direttive della panchina, non è stata in grado di assumere l’atteggiamento necessario per attaccare con efficacia, senza farsi infilare in contropiede.
Se gli amaranto non hanno saputo adattarsi al nuovo modo di giocare, il tecnico deve essere bravo ad inculcare la nuova mentalità di gioco, se ritiene ancora possibile quel tipo di atteggiamento in campo. La gara in casa col Padova, nel posticipo di lunedì prossimo, sarà un test molto attendibile, anche se la squadra sarà priva di due pedine fondamentali come Bonazzoli ed Emerson. In ogni caso, la società deve affrettarsi a coprire, se è possibile, qualche lacuna di organico.
La società dovrà intanto puntare all’ingaggio di un difensore di esperienza da un lato, ma anche di un portiere e certamente, anche di un centrocampista. Guarna rimane l’obiettivo principale, se Kovacsik sarà ceduto e in difesa ci vuole anche un pizzico di esperienza in più se è anche vero che, oltre Adejo infortunato, la Reggina perderà Emerson contro il Padova. La Reggina inoltre, sta valutando alcuni giovani centrocampisti come Paolucci dell’Andria. C’è anche Barusso ex Livorno, fuori rosa dalla rosa giallorossa, che potrebbe fare al caso della Reggina ma, al momento, è solo un’idea. Intanto sono ripresi gli allenamenti con l’obiettivo Padova di lunedì prossimo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?