Salta al contenuto principale

Castrovillari. Furto in una gioielleria
in manette un napoletano

Basilicata

Massaro, il professionista dei furti con scasso, arrestato a Castrovillari, espletate le formalità di rito, è stato associato al carcere di Napoli Poggioreale

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Un vero professionista dei furti con scasso nelle gioiellerie napoletane, che in 'trasferta' nel Cosentino, è stato però arrestato dai carabinieri del Norm della Compagnia di Castrovillari, in collaborazione con i colleghi della Tenenza di Caivano (Na). Lui, un uomo della provincia di Napoli, Giuseppe Massaro, 56 anni, è ritenuto responsabile del furto con scasso alla gioielleria «Scrigno d’Oro», situata in pieno centro a Castrovillari. Il colpo, effettuato nella notte del 13 gennaio, era stato effettuato con una tecnica inusuale per la tranquilla cittadina del Pollino, e aveva fruttato ai malviventi un bottino quantificato tra i 20mila e 50mila euro in oro e altri preziosi. I malfattori per impadronirsi dei gioielli esposti nella vetrina blindata avevano indebolito il vetro antisfondamento con una fiamma ossidrica infrangendola poi a colpi di mazza.
Le indagini dei Carabinieri sono partite dall’analisi dei filmati di videosorveglianza che avevno riprendono dettagliatamente le concitate fasi del furto, ma dare un nome al volto ripreso dalle immagini non è stato agevole. A Massaro, assai noto nella provincia di Napoli, specializzato in furti con scasso nelle gioiellerie e questa volta in «trasferta» nella cittadina del Pollino, i Carabinieri di Castrovillari sono giunti attraverso un delicato lavoro d’intelligence, partendo da un furto commesso con analoghe modalità in Provincia di Potenza, ed i cui responsabili erano stati intercettati con la refurtiva proprio dai Carabinieri di Castrovillari.
Analizzando le frequentazioni ed i controlli del territori dei due ladri, gli investigatori hanno individuato Massaro che era stato controllato con loro in una cittadina piemontese, dove pure era avvenuto un furto in gioielleria con modalità analoghe. Mancava solo il riconoscimento formale, che è avvenuto proprio a Caivano, dove i Carabinieri di Castrovillari si sono recati per osservare l’uomo. Da qui l’informativa di reato ed il conseguente ordine di custodia cautelare in Carcere emesso dal GIP di Castrovillari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?