Salta al contenuto principale

Scalea. Minore rapita e costretta a prostituirsi. Due arresti

Basilicata

Fermati due giovani romeni con l'accusa di aver rapito e costretto a prostituirsi una ragazza romena di 17 anni. La ragazza, peraltro madre di un bambino, era stata rapita a Barletta

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

I carabinieri della compagnia di Scalea (Cosenza) hanno fermato due giovani romeni, di 34 e 24 anni, con l’accusa di aver rapito e costretto alla prostituzione una giovane romena di 17 anni. I due sono Costantin Sorin e Valentin Gazda, incensurati. La ragazza, che è anche madre di un bimbo, era stata rapita a Barletta e portata in Calabria, dove era stata rinchiusa in un appartamento utilizzato per le vacanze estive. Dopo qualche giorno, la giovane è riuscita però a fuggire, approfittando dell’assenza dei suoi carcerieri, che avrebbero anche abusato sessualmente di lei. I militari l’hanno trovata in stato confusionale, mentre vagava per Scalea. I carabinieri, dopo il racconto della giovane, hanno fatto irruzione nell’appartamento, trovando diverso materiale pornografico. I due giovani romeni avevano già preparato i bagagli per fuggire in Puglia. I dettagli dell’operazione sono stati resi noti durante una conferenza stampa tenuta nel Comando provinciale dei carabinieri di Cosenza, alla presenza del comandante provinciale, il Colonnello Francesco Ferace.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?