Salta al contenuto principale

Cosenza. La Gdf arresta tre imprenditori per bancarotta fraudolenta

Basilicata

La Gdf di Cosenza ha messo a segno una operazione grande alla quale sono stati arrestati tre imprenditori accusati di bancarotta fraudolenta per il fallimento della società Termine Group

Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

La Guardia di Finanza di Cosenza ha arrestato tre imprenditori, responsabili della società Termine Group di San Marco Argentano (Cosenza). I tre sono accusati di bancarotta fraudolenta per il fallimento della società, avvenuto nel 2010. Le ordinanze di custodia cautelare, di cui uno in carcere e due agli arresti domiciliari, riguardano Pino Termine, 40 anni, di San Marco Argentano, Giulio Sartori, 80 anni, di Piacenza, e Oscar Imbrogno, 39 anni, di Roggiano Gravina. I tre sono stati amministratori e soci della società fallita e di altre società collegate, operanti nel settore della commercializzazione di mezzi agricoli. Gli arrestati avrebbero distratto somme di denaro, giacenze di magazzino e beni mobili ed immobili aziendali, per un valore di oltre 3 milioni e mezzo di euro, sottraendoli all’attivo della massa fallimentare. Per questo i finanziaeri hanno anche sequestrato beni per un importo equivalente, comprendenti le quote di sei società, terreni, fabbricati, attrezzature e macchinari. Il principale indagato, Pino Termine, ha anche cercato, in passato, di far sparire parte della documentazione sottoposta a sequestro, violando i sigilli dei locali dove era stata conservata. Aveva, di notte, caricato il materiale su un furgone, ma fu colto in flagranza nel corso di un controllo sulla strada, al quale aveva tentato di sottrarsi dandosi alla fuga.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?