Salta al contenuto principale

In quattro evadono del carcere di Avellino
Uno arrestato nel Potentino, caccia agli altri

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Quattro detenuti sono evasi dal carcere di Bellizzi Irpino (Avellino), uno di loro è stato arrestato dai carabinieri che li hanno intercettati nel Potentino mentre gli altri tre reclusi sono attualmente ricercati. La polizia penitenziaria e i carabinieri stanno effettuando una vasta battuta a caccia dei tre evasi, anche con un elicottero. 

Un'evasione da manuale, quella messa in piedi dai quattro: un foro nel muro, per poi calarsi con le lenzuola. Tre pregiudicati sono di origini pugliesi e uno è campano, di Castellammare di Stabia. Tre sono in carcere per furti, rapine e uno per omicidio. La scoperta è avvenuta intorno alle 8, quando una pattuglia dei carabinieri di Potenza ha fermato un’auto sospetta con a bordo una persona. L’auto è risultata rubata ad Avellino mentre l’uomo a bordo era un pregiudicato di Taranto che messo alle strette dai carabinieri ha confessato di essere scappato dal penitenziario di Avellino insieme con altre 3 persone. È scattato quindi l’allarme. I carabinieri del comando provinciale di Avellino hanno chiesto una verifica alla direzione del carcere di Bellizzi Irpino e gli agenti hanno scoperto il foro praticato nella parete del padiglione dal quale penzolavano ancora le lenzuola annodate. Gli evasi hanno procurato un foro di uscita dal bagno della cella rimuovendo un intero blocco di mattoncini, poi si sono calati con un lenzuolo annodato. Raggiunto il muro di cinta, hanno posizionato un contenitore dell’immondizia sul quale hanno posato alcune pedane che hanno fatto da scala. Identificati gli altri tre evasi, sono scattate le ricerche. Le strade intorno al penitenziario sono ora bloccate ma il ritardo nell’allarme rende più difficili le ricerche da parte dei carabinieri del comando provinciale di Avellino. La segnalazione dei tre evasi che mancano ancora all’appello è stata diramata alle forze dell’ordine di Campania e Puglia. Secondo le prime ipotesi il piano di fuga potrebbe essere stato preparato da tempo anche con la collaborazione di esterni. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?