Salta al contenuto principale

Stamina, Daniele riprenderà le cure
Martorano: "Sosteniamo il progetto"

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 9 secondi

 

taminali: Martorano su ordinanza giudice ripresa trattamento Daniele
“Il progetto Stamina  è un’opportunità e una speranza, se non di guarigione almeno di allungamento delle aspettative di vita, che va offerta a persone fino ad oggi prive di alcuna prospettiva”
“L’ordinanza del giudice del lavori di Matera che dispone la ripresa urgente del  trattamento con cellule staminali per il piccolo Daniele, presso gli “Spedali di Brescia”, è un’ottima notizia  perché riguarda una famiglia lucana, ma anche perché la Regione Basilica e il Dipartimento Salute condividono e sostengono il progetto sperimentale Stamina, che partirà a breve in seguito alla sottoscrizione del Protocollo tra il professore Vannoni e il Ministero della Salute”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità Attilio Martorano. “Esprimiamo tutta la nostra vicinanza alla famiglia del piccolo Daniele  che non si è arresa dopo l’interruzione disposta dalla struttura ospedaliera lombarda nello scorso mese di aprile, quando aveva ritenuto che non vi fossero più i presupposti per ‘ulteriori somministrazioni’, e la soddisfazione per il risultato ottenuto grazie al lavoro degli avvocati  Vincenzo Pizzilli del Foro di Matera, Marco Vorano e Dario Bianchi del Foro di Venezia”. 
“Il progetto Stamina, che durerà 18 mesi e per il quale il Ministro della Salute ha già firmato il decreto di nomina della Commissione Esperti, - conclude Martorano -  è un’opportunità e una speranza, se non di guarigione almeno di allungamento delle aspettative di vita, che va offerta a persone fino ad oggi prive di alcuna prospettiva”. 
Maf

 

Il giudice del lavoro presso il Tribunale di Matera, Antonio Marzario, ha emesso un’ordinanza per disporre che gli “Spedali di Brescia” riprendano con urgenza il trattamento con cellule staminali per il piccolo Daniele Tortorelli, il bambino di sei anni, di Matera, affetto dal 2008 dalla morbo di Niemann-Pick.

La decisione fa seguito all’interruzione disposta dalla struttura lombarda nell’aprile scorso, quando aveva ritenuto che non vi fossero più i presupposti per “ulteriori somministrazioni”, dopo l’ultima infusione effettuata nel marzo precedente.

Il giudice ha accolto un’istanza presentata dagli avvocati Vincenzo Pizzilli del foro di Matera, Marco Vorano e Dario Bianchi del Foro di Venezia, che già nel settembre scorso avevano presentato un ricorso ex articolo 700 per la ripresa delle cure, accolto dal Tribunale di Matera. Soddisfazione è stata espressa da Pizzilli per l’accoglimento dell’istanza e dal nonno di Daniele, Vito, che ha auspicato tempi brevi per la ripresa del trattamento con cellule staminali della Stamina Foundation. Nei giorni scorsi la signora Anna, la madre di Daniele, aveva inviato una lettera al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, con la quale si sollecitava un intervento per consentire la ripresa della cure. 

«L'ordinanza del giudice del lavori di Matera - ha detto in una nota l'assessore alal sanità, Attilio Martorano -  è un’ottima notizia perchè riguarda una famiglia lucana, ma anche perchè la Regione Basilica e il Dipartimento Salute condividono e sostengono il progetto sperimentale Stamina, che partirà a breve in seguito alla sottoscrizione del Protocollo tra il professore Vannoni e il Ministero della Salute». 

«Il progetto Stamina, che durerà 18 mesi e per il quale il Ministro della Salute ha già firmato il decreto di nomina della Commissione Esperti è un’opportunità e una speranza - ha concluso - se non di guarigione almeno di allungamento delle aspettative di vita, che va offerta a persone fino ad oggi prive di alcuna prospettiva».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?