Salta al contenuto principale

C'è un pedone sicuro in strada
Il dispositivo è a Macchia Romana

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 58 secondi
tallazione ‘Pedone sicuro’ a Macchia Romana, tra parco e Chiesa
Santarsiero ringrazia la ditta che gratuitamente lo ha donato alla città
Un sistema di segnalazione detto ‘Pedone sicuro’ studiato per tutelare quanti attraversano le strade cittadine e  per favorire la sicurezza dei cittadini è stato  installato ed è in funzione in via Giovanni XXIII nel tratto compreso tra il sagrato della nuova Chiesa di Macchia Romana e l’ingresso principale del parco ‘Elisa Claps’.
Il Sindaco di Potenza Vito Santarsiero, nel ringraziare la ditta che a titolo gratuito ha voluto donare questo importante dispositivo alla città di Potenza, sostiene come si tratti “di un meccanismo, sicuramente utile in una strada a così alta densità di traffico, posta all’interno di uno dei quartieri più popolosi della città. Perché risulti pienamente efficace, c’è però la necessità che gli automobilisti collaborino attivamente, dimostrandosi attenti anche agli altri utenti della strada”. “Un intervento necessario – aggiunge l’assessore alla Mobilità Giuseppe Ginefra – che abbiamo deciso anche a seguito delle sollecitazioni del Comitato di quartiere di Macchia Romana, in una zona che, all’indomani dell’apertura del parco e della Chiesa, risulta essere sempre più frequentata da cittadini di ogni età”. 
“Un sistema innovativo – spiega il referente per l’installazione Piero Calò – a tutela degli attraversamenti pedonali, composto da sei pali zincati di colore arancione, di cui quattro posti a ridosso dell’attraversamento pedonale, con relative fotocellule e, gli altri due, installati a distanza di 70 metri, dei presegnalatori. Ogni palo è dotato di tre lampade a led con 32 diodi, molto potenti e, dunque, ben visibili. Durante la fase di attraversamento da parte del pedone il sistema rileva la presenza dello stesso, inviando i dati al cervello principale detto ‘Jordi’, lo stesso attiva all’istante 9 lampade a led per ogni senso di marcia. L’intento che si persegue è quello di ingenerare nell’automobilista un’attenzione maggiore attraverso il gioco di luce che si viene a creare, invitandolo a essere   più vigile trovandosi in prossimità dell’attraversamento pedonale, che risulta impegnato. Una volta terminato l’attraversamento,   le luci torneranno in posizione di stand-by, fino al successivo passaggio del pedone.  
               

Sarà installato un "Pedone sicuro" a Macchia Romana, tra il parco e la chiesa. 

Si tratta di un sistema di segnalazione studiato per tutelare quanti attraversano le strade cittadine. È stato installato ed è in funzione in via Giovanni XXIII nel tratto compreso tra il sagrato della nuova chiesa di Macchia Romana e l’ingresso principale del parco "Elisa Claps".

Il sindaco di Potenza Vito Santarsiero ha ringraziato la ditta che lo ha fornito gratuitamente. «Un meccanismo sicuramente utile in una strada a così alta densità di traffico, posta all’interno di uno dei quartieri più popolosi della città. Perché risulti pienamente efficace, c’è però la necessità che gli automobilisti collaborino attivamente, dimostrandosi attenti anche agli altri utenti della strada». 

«Un intervento necessario – aggiunge l’assessore alla Mobilità Giuseppe Ginefra – che abbiamo deciso anche a seguito delle sollecitazioni del comitato di quartiere di Macchia Romana, in una zona che, all’indomani dell’apertura del parco e della Chiesa, risulta essere sempre più frequentata da cittadini di ogni età». 

«Un sistema innovativo – spiega il referente per l’installazione Piero Calò – a tutela degli attraversamenti pedonali, composto da sei pali zincati di colore arancione, di cui quattro posti a ridosso dell’attraversamento pedonale, con relative fotocellule e, gli altri due, installati a distanza di 70 metri, dei presegnalatori. Ogni palo è dotato di tre lampade a led con 32 diodi, molto potenti e, dunque, ben visibili. Durante la fase di attraversamento da parte del pedone il sistema rileva la presenza dello stesso, inviando i dati al cervello principale detto ‘Jordi’, lo stesso attiva all’istante 9 lampade a led per ogni senso di marcia. L’intento che si persegue è quello di ingenerare nell’automobilista un’attenzione maggiore attraverso il gioco di luce che si viene a creare, invitandolo a essere   più vigile trovandosi in prossimità dell’attraversamento pedonale, che risulta impegnato. Una volta terminato l’attraversamento,   le luci torneranno in posizione di stand-by, fino al successivo passaggio del pedone».                 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?