Salta al contenuto principale

Gennaro Donato ad un passo dalla Nike Academy
L'avventura del 22enne di Marconia

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

MARCONIA DI PISTICCI – Nei Nike Stores di tutta Italia sono arrivate ieri, ma Gennaro Donato, 22enne di Marconia, le porta già ai piedi.

Le Hypervenom, nuovo prodotto calcistico della Nike, sono le scarpe di Neymar da Silva, 21enne stella brasiliana ora in forza al Barcellona.

Si tratta di scarpette con caratteristiche dinamiche particolari, pubblicizzate come modello perfetto per gli attaccanti, con design e linea anatomica adatti a movimenti veloci e a quello che in gergo calcistico si definisce “killer instinct”, l’istinto del gol.

Come se le ritrova ai piedi un ragazzo di Marconia? E’ una storia lunga, non priva di soddisfazioni, quella che l’ha portato a un passo dall’ingresso nella Nike Academy, il “vivaio” calcistico della Nike, che recluta talenti in tutto il mondo per poi proporli ai club che ne portano il marchio (Arsenal, Barcellona, Juventus, Manchester e molti altri) o per accogliere, e  permettergli di allenarsi in gruppo, i calciatori professionisti rimasti temporaneamente senza squadra.

Gennaro è arrivato sesto, in un provino nazionale a tappe, che ha visto la partecipazione di migliaia di candidati. Tutto è partito l’anno scorso quando, per caso, lui e i suoi amici hanno letto dell’originale concorso Nike, il famoso “The Chance”, per la ricerca di talenti in tutto il mondo. Quasi per divertimento hanno deciso di aderire: si trattava di creare una squadra, montare un video e pubblicarlo in rete, indicando gli appuntamenti delle proprie partite per essere osservati, nel caso, dai talent scout della Nike. E puntualmente è accaduto, forse anche grazie alle centinaia di visualizzazioni e condivisioni che il simpatico video della squadra aveva fatto registrare.

Così, mentre Gennaro e i suoi amici giocavano senza sapere di essere osservati, qualcuno li ha apprezzati. Dopo qualche giorno tre di loro sono stati chiamati: c’era da fare un primo provino di preselezione, poi un secondo, in cui, tra 140 già prescelti per tutto il sud Italia, ne venivano selezionati 40. Gennaro ha superato anche questa fase. Dai 40, poi, si è passati a 22, per la fase decisiva che avrebbe scelto i migliori undici, alla presenza di osservatori della Juve, dell’Inter e dello staff tecnico della Nike Academy. Gennaro, l’anno scorso, si è fermato proprio a quest’ultima fase.

Una nuova occasione è, però, arrivata l’anno successivo, poche settimane fa, quando l’Academy ha avuto la necessità di reclutare nuovi talenti a seguito di alcune cessioni. E così, per evitare di rifare tutto lo scouting dell’anno precedente, si è rivolta ai migliori già selezionati precedentemente, richiamando, tra questi, anche Gennaro. E questa volta il giovane di Marconia è arrivato ancora più vicino al sogno, classificandosi al sesto posto (due sono stati i calciatori selezionati): non abbastanza per entrare nell’Olimpo della Nike Accademy e affrontare, in amichevole, squadre come l’Arsenal o il Barcellona, ma abbastanza per entrare nel team della Nike Hypervenom, la squadra che promuoverà in Italia il nuovo prodotto, attraverso amichevoli e forse anche un video pubblicitario. Intanto Gennaro è tornato a Marconia, orgoglioso delle sue Hypervenom, con tutto l’orgoglio di chi si è visto apprezzato, non da gente qualsiasi, ma dai numeri uno dello scouting calcistico mondiale.

provinciamt@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?