Salta al contenuto principale

La Cassazione sui tre operai Fiat di Melfi
"Non andavano licenziati"

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi

LA CORTE DI CASSAZIONE ha respinto il ricorso della Fiat contro la sentenza della Corte d’Appello di Potenza del marzo 2012 che aveva accolto le ragioni della Fiom e ordinato il reintegro sul posto di lavoro di tre operai della Sata di Melfi: Marco Pignatelli, Antonio Lamorte e Giovanni Barozzino, quest’ultimo dalle ultime elezioni senatore di Sel.

La vicenda ha avuto inizio il 7 luglio del 2010 quando la rappresentanza unitaria aziendale dello stabilimento Sata di Melfi ha proclamato uno sciopero del reparto di montaggio dall’1,45 alle 3 di notte. In tutto scioperarono in 51 lavoratori su 159 complessivi presenti sulle linee. Nel ricorso presentato in Cassazione viene spiegato che “le linee di produzione vennero bloccate dall’azienda e accanto alle linee transitano i ‘carrellinì AGV che servono al rifornimento della linea e si fermano automaticamente in presenza di ostacoli.” La produzione venne riorganizzata e alle 2 del mattino le linee vennero riavviate. In una successiva ispezione circa una quarantina di operai, aderenti allo sciopero, vennero trovati sul tragitto dei ‘carrellinì e all’invito di spostarsi tre di questi risposero di essere in assemblea. “La discussione durò 5-6 minuti - è scritto nel ricorso in Cassazione - mentre secondo quanto accertato dalla Corte la Sata sostiene che sia durata 7-10 minuti. I tre dipendenti iscritti alla Fiom vennero licenziati senza preavviso e non furono applicate sanzioni disciplinari, neanche di minore entità, nei confronti di altri operai.”

“Le considerazioni della Corte - scrivono i supremi giudici in merito alle decisioni della Corte d’appello di Potenza - sulla differenza di trattamento dei tre licenziati rispetto a tutti gli altri lavoratori, che avevano scioperato stazionando in quella medesima zona e non sono stati destinatari di una sia pur lieve sanzione disciplinare, non possono essere ritenute illogiche e immotivate e quindi tali da giustificare l’accoglimento del motivo di ricorso.” Nel ricorso presentato in Cassazione dalla Sata era sottolineato “l’illogicità” della motivazione della Corte d’appello di Potenza.

 

“La motivazione della Corte - spiegano i supremi giudici - non può dirsi insufficiente, illogica o contraddittoria, perchè anche la società riconosce, come del resto è stato acclarato dall’istruttoria, che tutti gli scioperanti, alcune decine di persone, durante l’astensione avevano stazionato a lungo nell’area di transito dei ‘carrellinì AGV e che i tre erano rimasti in quella zona solo 5-6 minuti in più per una ragione specifica, esaminata e ritenuta idonea dalla Corte a spiegare quel comportamento e comunque inidonea a giustificare il loro licenziamento in tronco.”

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?